Lunedì, 16 Settembre 2019 11:08

Praemium Imperiale. Il 17 settembre conosceremo i vincitori

Scritto da

I Comitati di selezione della Japan Art Association hanno concluso il lavoro per la scelta dei vincitori del Praemium Imperiale 2019, che saranno annunciati martedì 17 settembre a Parigi, Roma, Berlino, New York, Londra, e Tokyo.

Giunto alla trentunesima edizione, il Praemium Imperiale è una voce autorevole nel mondo dell’arte. Assegnato in cinque discipline – pittura, scultura, architettura, musica, teatro/cinema – esso conferisce un prestigio internazionale in campo artistico pari a quello dei Premi Nobel in campo scientifico. Gli artisti sono premiati per i risultati conseguiti, per la loro influenza artistica a livello internazionale e per il contributo dato alla comunità mondiale con la loro attività. Ciascuno dei vincitori riceverà un premio di 15 milioni di yen (circa 122.000 euro), un diploma e una medaglia, conferiti dal Principe Hitachi, zio dell’Imperatore del Giappone e Patrono onorario della Japan Art Association, nella cerimonia di premiazione che si terrà a Tokyo il 16 ottobre.

L’anno scorso i premi sono stati assegnati a Pierre Alechinsky per la pittura, Fujiko Nakaya per la scultura, Christian de Portzamparc per l’architettura, Riccardo Muti per la musica e Catherine Deneuve per il teatro/cinema. 

Nelle precedenti edizioni sono stati premiati tra gli altri Claudio Abbado, Gae Aulenti, Daniel Barenboim, Mikhail Baryshnikov, Luciano Berio, Cecco Bonanotte, Enrico Castellani, Francis Ford Coppola, Plácido Domingo, Federico Fellini, Dietrich Fischer-Dieskau, Norman Foster, Jean-Luc Godard, Zaha Hadid, Anselm Kiefer, Rem Koolhaas, Akira Kurosawa, Wolfgang Laib, Sophia Loren, Umberto Mastroianni, Zubin Mehta, Mario Merz, Issey Miyake, Shirin Neshat, Giuseppe Penone, Oscar Peterson, Renzo Piano, Michelangelo Pistoletto, Sigmar Polke, Maurizio Pollini, Arnaldo Pomodoro, Robert Rauschenberg, Bridget Riley, Ravi Shankar, Mitsuko Uchida, Giuliano Vangi.

Le candidature per i riconoscimenti annuali sono proposte dai Consiglieri internazionali del Praemium Imperiale, i quali presiedono, ognuno nel proprio Paese, i Comitati per le nomine. Successivamente, la scelta finale dei vincitori viene fatta, tra queste “rose” di nomi, dai Comitati di selezione della Japan Art Association. Sono assicurate così la massima serietà e l’assenza di qualsiasi calcolo o condizionamento. 

Tra i Consiglieri internazionali figurano esponenti di spicco del mondo istituzionale, politico e culturale: Lamberto Dini, Klaus-Dieter Lehmann, Christopher Patten, Jean-Pierre Raffarin e Caroline Kennedy. Sono Consiglieri onorari Jacques Chirac, William H. Luers, Yasuhiro Nakasone, David Rockefeller Jr. e François Pinault. 

Borsa di Studio del Praemium Imperiale per Giovani Artisti

Oltre ad assegnare il Praemium Imperiale in cinque categorie, la Japan Art Association conferisce un contributo annuale di 5 milioni di yen (circa 41.000 euro) a un gruppo o a un’istituzione che promuova la partecipazione dei giovani all’arte. L’assegnazione della Borsa di Studio viene fatta, a rotazione, da ciascuno dei Consiglieri internazionali, nel paese del Consigliere cui spetta la segnalazione.

Quest’anno il premio sarà annunciato e conferito il 17 settembre a Parigi, contestualmente all’annuncio dei vincitori del Praemium Imperiale.

L’anno scorso la Borsa di Studio del Praemium Imperiale per Giovani Artisti è stata assegnata alla Shakespeare Schools Foundation di Londra, a sostegno dell’attività da essa svolta per aiutare i giovani artisti.

Da quando è stato istituito, il premio riservato ai giovani artisti è stato inoltre assegnato a Zoukak Theatre Company and Cultural Association, Five Arts Centre, Yangon Film School, Fondation Zinsou, JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Sphinx Organization, Southbank Sinfonia e The Royal Court Young Writers Programme (congiuntamente), Asian Youth Orchestra, Kremerata Baltica, Orchestra Giovanile Italiana, West-Eastern Divan Orchestra, Fundación del Estado para el Sistema Nacional de las Orquestas Juveniles e Infantiles de Venezuela, Kusatsu International Summer Music Academy, Junges Klangforum Mitte Europa, De Sono Associazione per la Musica, European Union Youth Orchestra, Résidence du Festival, Ulster Youth Orchestra, Instituto Superior de Arte, Panstwowa Wyzsza Szkola Filmowa, Telewizyjna i Teatralna e Hanoi National Conservatory of Music.

-   -   -   -

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]