Lunedì, 26 Settembre 2011 13:38

E' morto Sergio Bonelli, editore di Tex e Dylan Dog

Scritto da

MILANO - È morto a Monza questa mattina all'età di 79 anni Sergio Bonelli, editore di Tex e di Dylan Dog, all'ospedale San Gerardo di Monza dove era ricoverato da qualche giorno per una malattia. Era sposato con la signora Beatrice e aveva un figlio, Davide che è responsabile marketing della casa editrice.


Bonelli aveva iniziato ad accusare problemi di salute ad agosto, mentre era in vacanza in Provenza. Rientrato a Milano, ha fatto una serie di esami e da alcuni giorni era ricoverato al San Gerardo. La notizia della sua morte ha colto di sorpresa i collaboratori della casa editrice.


"Sergio Bonelli ha appassionato con i suoi fumetti generazioni di ragazzi e adulti. Ci lascia l'eredità della sua arte: i suoi personaggi, da Tex Willer a Dylan Dog, sono entrati nella storia dei 'cartoon', emozionandoci con le loro avventure che ci hanno fatto sognare e che ricorderemo sempre". Queste le parole del Sindaco Giuliano Pisapia, che ha espresso il cordoglio per la scomparsa del grande editore italiano, scomparso a Monza a 80 anni. Cittadino benemerito di Milano, Bonelli era stato insignito della Medaglia d'oro di Civica Benemerenza il 7 dicembre 2008, per aver  contribuito a fare di Milano la capitale dell'editoria italiana e del fumetto e aver avvicinato alla lettura generazioni di ragazzi. Ha creato personaggi come Zagor e Mister No e pubblicato il fumetto western più amato in Italia, Tex Willer, in vetta alle classifiche di vendita e di gradimento nel settore. La sua casa editrice è la maggiore impresa editoriale italiana nel campo del fumetto".


Uno dei  personaggi più famosi fu Tex Willer, creato da suo padre, e che per Sergio Bonelli era una sorta di alter ego. Avrebbe voluto essere coraggioso come lui, invece nella sua vita la dote del coraggio gli mancava e lo aveva confessato in uno dei momenti più difficili, cioè quando nel 1995 venne processato per avere pagato 300 milioni ad un ufficiale della Guardia di finanza di Milano per evitare una verifica fiscale alla sua casa editrice. Il 3 marzo del 1995 quando venne interrogato dai giudici di Brescia spiegò nel dettaglio in che modo fece avere il denaro e quando il presidente gli chiese per quale motivo aveva deciso di pagare, allargò le braccia e abbassò la testa vergognandosi: «Fossi stato Tex Willer avrei avuto più coraggio. Invece non ero preparato e ho accettato di pagare». Anche il severo giudice della sezione del tribunale rimase spiazzato e bonariamente commentò: «capisco». Poi, conversando con i giornalisti in una pausa del processo aveva manifestato la sua preoccupazione per il futuro della casa editrice: «La mia ditta non sarà più uguale dopo questa vicenda, insomma non ho fatto una bella figura». Condannato in primo grado a un anno e 6 mesi di reclusione, era stato assolto in appello.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: mediasu[email protected]