Martedì, 21 Febbraio 2012 13:51

“Hysteria”: la storia vera, scientifica, della nascita del vibratore. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Da rimedio medico conseguenza di una diagnosi sbagliata a simbolo dell’emancipazione sessuale femminile.

La multiforme vita del vibratore ha accompagnato l’evoluzione della donna dalla fine dell’Ottocento al secolo scorso. Il primo vibratore elettrico fu brevettato nel 1883 dal medico inglese Joseph Mortimer Granville per aiutarsi nei massaggi pelvici sulle donne affette da isteria (letteralmente “spostamento dell’utero”). L’idea, errata, che fossero gli organi sessuali a determinare sbalzi d’umore, depressione e riottosità ha accompagnato la medicina per ben 4000 anni. Per fortuna le donne hanno incontrato sulla loro strada il dottor Granville e non il suo connazionale Isaac Baker-Brown che anni prima al posto dei massaggi aveva provato con la clitoridectomia. La salvifica invenzione di Granville è raccontata con garbo e gusto nel film Hysteria di Tanya Wexler, presentato in concorso all’ultimo festival del cinema di Roma.


L’elettromassaggiatore portatile – il nome scelto per l’infernale aggeggio vince sui più bizzarri “mister tremarello” o “sfrega-sfrega” – nasce da un’acchiappapolvere elettrico su cui sta lavorando Edmund St. John-Smythe (Rupert Everett), amico del dottor Granville (Hugh Dancy). Viene sperimentato nello studio del dottor Dalrymple (Jonathan Pryce), generoso guaritore delle isteriche donne londinesi, di cui il protagonista è assistente. Tre parossismi in cinque minuti e l’invenzione si rivela immediatamente un successo. Parossismi, non orgasmi: tutto viaggia infatti sul sistema nervoso, niente risvolti sessuali. Ed è da qui che nasce il tono ironico della commedia di Tanya Wexler, ambientata nell’abbottonatissima Inghilterra vittoriana dove invece comincia a serpeggiare il desiderio rosa dell’emancipazione sessuale.


Il contrasto tra l’ideale femminile dell’epoca e la voglia di cambiamento è esemplificato dalle due figlie del dottor  Dalrymple, Emily (Felicity Jones), un puritano angelo del focolare, e Charlotte (Maggie Gyllenhaal), femminista ante-litteram. Emily è una proiezione della figura paterna: studia la frenologia, una teoria scientifica che collegava la conformazione del cranio al carattere degli individui, destinata a essere superata proprio come gli studi sull’isteria. Charlotte è invece la pecora nera della famiglia, ribelle, più a suo agio tra gli slum che nei salotti dorati e direttrice di una casa per i poveri, sull’orlo del fallimento e odiata dal padre. Il povero dottor Granville, con la sua rivoluzionaria invenzione, si troverà in mezzo a questo vortice di litigi familiari, in bilico tra vecchio (Emily e il padre) e nuovo (Charlotte). E sarà proprio Charlotte a comprendere prima di tutti le potenzialità del vibratore come elettrodomestico casalingo per la ricerca della gioia. Lei che non ha mai condiviso le teorie sull’isteria, collegando l’insoddisfazione e i presunti disturbi delle donne alla loro costrizione sociale e maschilista.   

Hysteria
Di Tanya Wexler
Con Hugh Dancy, Jonathan Pryce, Maggie Gyllenhaal, Felicity Jones e Rupert Everett
Scritto da Stephen e Jonah Lisa Dyer

Al cinema dal 24 febbraio

Histerya – trailer italiano

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]