Martedì, 03 Aprile 2012 11:52

"Tra arte e moda" al Museo Madre e Accademia della Moda di Napoli



Scritto da

Materia forma e pigmenti 
per la prima volta in Italia insieme l’Arte e la Moda


 presso il Museo d’Arte Contemporanea Madre 
di Napoli



ROMA - Sabato 31 marzo, per la prima volta in Italia un Museo ha aperto le porte alla moda. Presso il Museo d’Arte Contemporanea di Napoli, il Museo Madre   è stato allestito l’evento “TRA ARTE E MODA… materia forma e pigmenti”, a cura dell’Accademia della Moda di Napoli, sotto la direzione artistica di Pasquale Esposito.
Quaranta modelle hanno indossato gli abiti realizzati dagli allievi dell’Accademia della Moda di Napoli che, nel crearli, si sono ispirati alle opere d’arte presenti all’interno del Museo Madre. In ogni stanza del Museo vi era una modella, il cui abito e il suo significato veniva esplicato dallo stile, dai quadri, dagli oggetti esposti nella stanza. Oggetti che, a loro volta, trovavano un nuovo senso grazie alla “statua-modella” presente.
A rendere particolare l’allestimento anche l’utilizzo da parte delle modelle di lenti a contatto bianche, indossate per essere ancora più simili a statue, nonostante la voluta assenza di staticità nei loro corpi.
L’evento, che ha visto in prima linea l’Accademia della Moda di Napoli sempre pronta a perseguire le vie della sperimentazione, ha rappresentato una occasione per sensibilizzare il mondo della moda e l'opinione tutta verso un Museo così importante. I giovani, speranza per il futuro, dunque, hanno “sposato” idealmente il Madre - uno dei Musei più innovativi e all’avanguardia d’Italia – proponendo una rivisitazione moderna dell’arte.

IL PROGETTO
Attraverso un viaggio tra i principali esponenti dell’arte contemporanea, si è portata la moda nel museo e il museo nella moda, sovrapponendoli al fine di ottenere sperimentazioni tessili, superfici ora lisce ora grumose, materiali che si lacerano e poi si ricompongono in combinazioni originali e contemporaneamente decorative, materiali innovativi ribaltando i canoni tradizionali del guardaroba, con colori netti e segnali astratti, tagli decisi e divagazioni post-moderne ma tutto dal sapore artigianale e sartoriale creando delle vere e proprie opere d’arte che hanno raccontato la vita e che sono state capaci di smuovere gli animi proprio come di fronte ad un opera di un famoso artista.


La mostra ha visto la partecipazione di centinaia di persone che hanno riempito le sale sin dalle ore 19.
Tra gli ospiti presenti: l’Assessore della Regione Campania alla Formazione e al Lavoro Severino Nappi; alcuni volti di “Un posto al Sole”; lo stilista Claudio Greco; Ravi Sisowath, cugino del re di Cambogia; Irma Capece Minutolo, da sempre nel mondo della moda; Vincenzo Grisostomi Travaglini, regista di opere liriche; Giuseppe Grifeo di Partanna, giornalista de Il Tempo; Danilo Moncada Zarbo di Soria, psicologo; Claudio Caruselli, produttore cinematografico; Francesco Baiano, project fashion manager








Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]