Menu
Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

BRUXELLES - Un anno dopo gli "spaventosi attacchi" del 22...

Prev Next

Fendi presenta la Mostra "Matrice" di Giuseppe Penone - 17 opere dagli anni settanta ad oggi

Fendi presenta la Mostra "Matrice" di Giuseppe Penone - 17 opere dagli anni settanta ad oggi

E' stata inaugurata il 27 gennaio 2017  ed  è la prima tappa di un itinerario tra arte, storia e contemporaneità voluto da Fendi , che ha destinato ad esposizioni e installazioni il pianterreno del Colosseo Quadrato.

La personale di Giuseppe Penone (aperta fino al 16 luglio) ribadisce l'impegno di Fendi nel sostenere le maggiori espressioni della cultura odierna . «Siamo orgogliosi di collaborare con Giuseppe Penone - afferma Pietro Beccari, Presidente e Amministratore Delegato del brand - in questa prima mostra ambientata nel simbolo delle nostre radici romane che, come promesso, continuiamo a rendere fruibile ai romani e ai turisti di tutto il mondo. Penone è un artista italiano di fama internazionale con il quale condividiamo la passione per la creazione, per il più eccelso savoir-faire e per l'incessante dialogo tra tradizione e modernità, valori cardine di Fendi».

  Penone, uno dei più grandi scultori viventi, legato all'Arte Povera, con le sue sculture antropomorfe che intrecciano alberi a reperti archeologici, marmi a calchi di tronchi d'albero in bronzo, è del parere che la natura non sia inferiore all'uomo, anche se lui tenta di assoggettarla con i suoi artifici. 

L'intera Mostra è concepita in armonia con gli spazi del Palazzo della Civiltà del Lavoro e prende il titolo da una delle opere più spettacolari di Penone "Matrice" , ( 2015), una scultura lunga 30 metri in cui un tronco di abete è stato scavato seguendo un anello di crescita che porta così in superficie il passato dell'albero la sua storia e le sue trasformazioni nel tempo. "Gli albero ci appaiono solidi, ma se li osserviamo attraverso il tempo, diventano materia fluida e plasmabile. Un albero è un essere che memorizza la sua forma e la sua forma è necessaria alla sua vita, quindi è una struttura scultorea perfetta, perchè ha la necessità dell'esistenza" ha spiegato l'artista. 

Questo evento si snoda intorno a una selezione di lavori storici di Giuseppe Penone . Si tratta di quindici opere dagli anni '70 a oggi, in gran parte inedite in Italia. Sono stati  selezionati personalmente dal curatore Massimiliano Gioni (direttore del New Museum di New York) comprendono opere storiche, contemporanee e pezzi realizzati appositamente.

La personale anticipa  l'installazione permanente dell'artista: Fendi ha infatti deciso di regalare a Roma un'imponente opera d'arte di Penone, Foglie di Pietra, due maestosi alberi di bronzo rispettivamente alti 18 e 9 metri, che tengono sollevato nel vuoto un blocco di marmo da 11 tonnellate commissionata dalla stessa maison. Sarà collocata in primavera a Largo Goldoni, davanti Palazzo Fendi. 

 

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208