ISLAMABAD – 17 bambini morti carbonizzati nel rogo di un autobus in transito. E' successo questa mattina a Gujrat, nella provincia del Punjab, in Pakistan. Lo riferisce la tv «Dawn News». Alle origini dell'incendio ci potrebbero essere anomalie nel serbatoio che conteneva il combustibile del veicolo che trasportava i passeggeri.

Published in Mondo

IL CAIRO - Drammatico il  bilancio delle vittime dello scontro avvenuto tra uno scuolabus e un treno in Egitto. Secondo il governatore della regione sono 47 i bambini che hanno perso la vita nell'incidente e 13 quelli feriti. I 60 bambini a bordo dello scuolabus stavano facendo una gita scolastica quando sono stati travolti dal treno.

Secondo il governatore di Assiut «un'equipe di 45 medici è stata inviata nel luogo dell'incidente per soccorrere i bambini feriti». Un corrispondente della televisione pubblica giunto nel luogo dello scontro ha parlato di scene «terrificanti» con i corpi dei bimbi a terra ricoperti di sangue.  I bambini avevano tra i 4 e i 6 anni.  Testimoni hanno raccontato ai medici che il passaggio al livello sarebbe stato aperto al momento del passaggio dello scuolabus che è stato travolto dal treno. L'incidente è avvenuto nella città di Manfalut, vicino ad Assiut, a 300 chilometri a sud della capitale. Il governatore di Assiut, Yahya Keshk, ha disposto l'apertura di un'inchiesta. Il bilancio potrebbe essere comunque più grave, perché due donne sono state portate in ospedale in condizioni critiche.  Il presidente egiziano Mohamed Morsi ha ordinato ai suoi ministri di assistere in ogni modo le famiglie delle vittime.

Intanot il ministro dei Trasporti egiziano, Rachad al Metini, e il capo dell'Autorità per le ferrovie hanno rassegnato le dimissioni dopo l'incidente  Lo riferiscono i media ufficiali egiziani. 

In Egitto incidenti stradali e ferroviari sono molto frequenti a causa delle insufficienti misure di sicurezza e dell'indisciplina dei conducenti. Il più grave disastro ferroviario risale al 2002, quando nell'incendio di un treno che collegava Il Cairo a Luxor morirono 376 persone.

Published in Mondo

CAMPOBASSO - A Montagano, paese dell’entroterra molisano, ci sono quattro chiese, tre negozi di alimentari, un giornalaio, un paio di bar, altrettanti tabaccai, un inverno che dura centinaia di giorni e molte porte chiuse.
Lungo un vicolo c’è la casa dei DeLillo ormai in rovina. Partirono da qui nella prima meta del Novecento e non vi fecero più ritorno.

Published in Arti visive

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]