Venerdì, 30 Ottobre 2015 08:58

La Legge del Mercato. Un bellissimo film politico, un condensato di genialità e verità

Scritto da

La Legge del Mercato di Stephen Brizè, con il grande Vincenti Lindon, premiato con la Palma d’oro come attore protagonista all’ultimo Festival di Cannes.

Il film non vale solo per la commovente interpretazione di Vincent Lindon, nel ruolo di un cinquantenne disoccupato che ritrova lavoro come addetto alla sicurezza in un supermercato, ma vale anche perché il film è un condensato di genialità, di verità che arriva dritto al senso della denuncia ed è la dimostrazione di come oggi si possa fare un grande film, con pochi mezzi,  mischiando la realtà con la finzione. A parte Lindon, infatti, il resto del cast è formato da attori amatoriali che spesso Brizè ha voluto negli stessi ruoli e mestieri che hanno realmente nella vita. Un modo per portare Vincent Lindon ancora di più dentro la realtà e verso territori per lui sconosciuti. “Il tempo è lento esattamente come nella realtà, racconta Vincent Lindon, e anche il modo di parlare. Noi avevamo i copioni il giorno stesso che era prevista la scena da girare, facevamo qualche lettura e poi partivamo, proprio per non far perdere al cast la naturalezza della loro interpretazione”. Per rendere ancora più credibile il film, Stephan Brizè, ha voluto come direttore della fotografia un giovane che provenisse dal mondo dei documentari senza  alcuna esperienza con un film di finzione.  Il risultato è mirabile. La Legge del Mercato, racconta con efficacia quello che vivono migliaia di persone quando perdono il lavoro. La disumanità della società, il senso di sconfitta, la dignità ferita, l’umiliazione, e il costringersi a qualsiasi compromesso pur di guadagnare qualcosa per la famiglia, che ti consenta di pensare a domani. Un sistema spietato, dove ormai il lavoro è un lusso. Un film politico, bello ed emozionante con un grandissimo Vincent Lindon. 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208