Martedì, 10 Novembre 2015 11:44

Film. Alaska, quando il desiderio del denaro cancella ogni cosa

Scritto da

ROMA - Quella di Alaska il film di Caludio Cupellini nelle sale italiane, è una storia particolare, una storia d’amore, ma anche di quanto il denaro, e il desiderio di raggiungere un benessere economico può far fare qualunque cosa a chiunque

Oggi anche l’amore, la cultura tutto sembra segnato da questa ricerca atavica dell’oro e non sono da meno Fausto, (Elio Germano) cameriere in un grande hotel che sogna di diventare maître, e Nadine, ( Astrid Berges- Frisbey) modella senza molta convinzione. I due si incontrano su un tetto di Parigi e da subito si attraggono in un rapporto stretto, necessario, malato che li porterà a vivere all’estremo limite, tra la ricchezza e l'estrema indigenza, tra Francia e Italia flirtando con il crimine come se niente fosse, perpetrando atti estremi,  rovinandosi la vita. Claudio Cupellini realizza un film anomalo, una storia densa di eventi, ma spesso tratta i suoi protagonisti con superficialità, lasciandosi distrarre da altre storie, cambiando tono e anche direzione parecchie volte, né thriller, né film d’azione, nonostante i numerosi inseguimenti, né storia d’amore. Lo stesso regista sembra sorpreso dalle innumerevoli serie di avventure e disavventure che accadono ai suoi protagonisti e non sembra neanche amarli più di tanto, come se non fosse del tutto dalla loro parte.  Una prospettiva nuova, una visione particolare che insieme alla grande interpretazione di Elio Germano, fanno di Alaska, un film da vedere. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Come difendersi dalle furbizie del mercato. Incontro con Massimiliano Dona, pres…

Le aziende fornitrici di servizi pubblici che mandano le bollette di pagamento ogni 28 giorni, inventandosi così il tredicesimo mese dell’anno, e di fatto aumentano le tariffe. Le compagnie telefoniche...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Enzo Tortora, un uomo perbene

Trent’anni fa moriva il popolare conduttore tv dopo una drammatica vicenda giudiziaria iniziata nel 1983  “Dunque, dove eravamo rimasti? Potrei dire moltissime cose e ne dirò poche. Una me la consentirete:...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077