Cinema & Teatro

ROMA - Due ore senza intervallo, che fuggono in un soffio, riescono a tenere alta l’attenzione, avvincono, nonostante la tragedia di Euripide sia nota: riallestita da Daniele Salvo, al teatro Quirino è in scena la storica edizione di “MEDEA” diretta da Luca Ronconi nel 1996 e, di nuovo, è perfetto protagonista Franco Branciaroli che, proprio perché uomo, riesce a dare al mito della protagonista quel tanto in più di complessità, mistero, deformità, sì da restituire al personaggio tutta la forza e la stranezza minacciosa delle passioni insane.

ROMA - Al Delle Muse ha appena debuttato una frizzante e divertente commedia, scritta e diretta da Geppi Di Stasio ma dichiaratamente ispirata a una farsa di Antonio Petito. Stiamo parlando di “Ricchi in canna e poveri sfondati”. Come è facile immaginare, questo lavoro si colloca nel filone “della povertà”. La fame, infatti, è sempre stata uno degli spunti più felici della tradizione del teatro comico napoletano.

A seguito della decisione di restituire l’indipendenza all’India, nell’estate del 1947 gli inglesi incaricarono per la delicata transizione verso l’autonomia Lord Mountbatten che, nella veste di Viceré, dovette gestire il conflitto fra induisti, musulmani e sikh, i quali nonostante gli insegnamenti di Ghandi, si rifiutavano di convivere pacificamente. Il Viceré non riuscendo a mediare, fu spinto alla cosiddetta "Partition" fra India e Pakistan: una separazione dolorosissima per milioni di famiglie incluse le 500 persone a servizio nella sua immensa dimora.

ROMA - Un doveroso omaggio al grande Maestro scomparso nel 2015 da uno degli artisti che ha lavorato con lui più a lungo e in maggiore vicinanza (basti ricordare spettacoli impressi nella memoria collettiva come Lavita è sogno, Prometeo incatenato, Lolita), e un’occasione imperdibile di rivedere una delle pietre miliari della storia registica ed interpretativa del secondo Novecento.

ROMA - Al Teatro Brancaccio sta riscuotendo successo quella che possiamo considerare, probabilmente, la più bella commedia musicale italiana di tutti i tempi: Aggiungi un posto a tavola; l’ultima opera della premiata Ditta Garinei & Giovannini, scritta con Iaia Fiastri e corredata delle splendide musiche di Armando Trovajoli

ROMA - Con Il borghese gentiluomo Molière consegna al teatro un assoluto capolavoro, feroce ed esilarante. Sbeffeggia senza ritegno la volgarità del denaro, non il denaro in sé ma chi lo usa per elevarsi. 

ROMA – Si apre il sipario su una sala foderata di librerie bianche, dalle cui finestre s’intravedono eleganti pini, un intellettuale (Stefano Santospago) seduto alla scrivania pensa al padre che non ha mai conosciuto, oggi l’uomo ha sessant’anni e ricorda quando da bambino si avvolgeva nel vestito del genitore immaginando di essere abbracciato da lui. A un tratto il padre (Francesco Bonomo) si materializza sul palcoscenico e i due possono finalmente dirsi “Ciao”: sono Vittorio Veltroni e suo figlio Walter. 

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077