Domenica, 29 Aprile 2012 13:58

“The Hunger Games”: prodotto da fast food per ingozzarsi pensando al più e al meno. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - In un futuro non ben precisato, dalle macerie del Nord America è sorta la nuova nazione di Panem, suddivisa in dodici distretti. Ogni anno ciascun distretto deve eleggere un ragazzo e una ragazza (definiti “tributi”) che parteciperanno poi ai sanguinosi “Hunger Games”, una sorta di torneo ad eliminazione in cui il vincitore è l’ultimo che resta in vita. I giochi (seguiti ovunque in diretta televisiva) costituiscono fondamentalmente un attestato di fedeltà e devozione al governo centrale che in passato aveva represso una rivolta riportando violentemente l’ordine. La sedicenne Katniss decide di offrirsi come volontaria al posto della sorella più piccola salvandola così da una morte quasi certa. Riuscirà a salvare se stessa e un po’ della sua umanità?

“The Hunger games” è un prodotto da fast food col retrogusto tutt’altro che gradevole del reality show. Prima di approfondire questa sentenza lapidaria diciamo comunque che la protagonista ha un certo fascino e il film in fin dei conti scorre veloce e si fa seguire. In effetti il grande successo d’oltreoceano testimonia la furbizia dell’operazione commerciale: c’è una giovane eroina con cui qualunque adolescente si può identificare, c’è la classica storia d’amore da opporre alla cattiveria del mondo, ci sono continui riferimenti alla (non)cultura del piccolo schermo. In effetti è un’ opera che richiede uno spettatore assuefatto al linguaggio e ai copioni televisivi. In questo caso il contenitore stucchevole (basti pensare ai costumi, ai trucchi, ma anche ai movimenti frenetici della macchina da presa che nella prima parte causano quasi mal di testa) fa da perfetto contraltare alla vacuità del contenuto. E’ una scatola che si accartoccia su se stessa: si parla di uno show mediatico (gli “hunger games”) sviluppando un intreccio patinato e superficiale tanto quanto quello di un reality pilotato. Sarà un caso che il titolo del film coincide con il nome del becero show che descrive? Non emerge critica convinta verso un mondo basato sul voyeurismo e sul controllo orwelliano. Del resto gli attori interpretano alla meno peggio personaggi che svolgono abbastanza pedissequamente il loro ruolo di vittime sacrificali da immolare al potere centrale. L’opposizione al sistema degli “hunger games” e alla cultura sottostante è complessivamente blanda. Certo in alcuni punti (come nel caso del rapporto fra Katniss e la piccola Rue) sembra che le emozioni e le relazioni umane possano opporsi alla prepotenza del potere. Confesso però che durante la scena strappa-lacrime di metà film mi sono clamorosamente distratto pensando al più e al meno. Forse sono una persona poco sensibile, più probabilmente al film mancano gli ingredienti di base che permettono di dar vita ad emozioni “reali” e non “da reality”.


USCITA AL CINEMA: 01/05/2012
REGIA: Gary Ross
SCENEGGIATURA:Gary Ross, Suzanne Collins, Billy Ray
ATTORI: Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Elizabeth Banks, Donald Sutherland
FOTOGRAFIA:  Tom Stern
MUSICHE: James Newton Howard
PAESE: USA
GENERE: Fantascienza/Avventura
DURATA: 142 Minuti

The hunger games - trailer

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]