Giovedì, 10 Maggio 2012 14:52

Teatro Quirino. I Rusteghi, spettacolo convincente sul ridicolo del potere. Recensione

Scritto da

ROMA - Al teatro Quirino va in scesa “ I Rusteghi” sino al 20 maggio, spettacolo teatrale ispirato alla commedia di Carlo Goldoni.


Lunardo è un mercante dispotico legato alle tradizioni. “ A casa mia comando mio” è il suo motto preferito. Condivide questa visione del mondo con gli altri tre “rusteghi”, i quali tentano di imporre lo stesso concetto nelle rispettive famiglie. L’ evolversi delle vicende tuttavia metterà in crisi e sottilmente in ridicolo le posizioni autoritarie dei quattro. I problemi sorgeranno quando Lunardo decide di combinare il matrimonio fra la figlia Lucietta e il giovane Felippetto.


La commedia ci descrive un mondo borghese stantio a cui si oppone l’energia della giovinezza. E’ un conflitto fra generazioni ma anche fra generi sessuali. “Vorrei apparire” dichiara fieramente la giovane protagonista. Una affermazione che, se fatta da una ragazza dei nostri giorni, farebbe storcere il naso a chiunque non viva di pane e Belen. Il messaggio ha invece echi rivoluzionari se rapportato all’epoca delle vicende narrate. Un periodo in cui per la donna apparire era meno importante che essere. Ma l’ essere in questo caso equivale in toto all’essere sottomessa al marito. Una esistenza di riflesso per chi non può brillare di luce propria e deve evitare di esprimere la propria vitalità. La messa in scena, all’insegna del “primum non annoiare”,  affronta con ironia tematiche altrove impegnative. Oggi, nella società occidentale, è possibile ridere di relazioni possessive che in passato lasciavano letteralmente il segno sulla pelle delle donne. Fermo restando che la violenza domestica, nelle sue diverse forme, è una tematica sempre d’attualità. Nell’opera le donne attueranno una piccola rivoluzione silenziosa e non violenta che farà vacillare la sicurezza dei mariti. A questo punto occorre evidenziare che in realtà il “femminile” sul palco non c’è! Tutti i personaggi, anche quelli femminili, sono infatti interpretati da uomini. Più che affrontare il tema del rapporto uomo-donna si mettono allora a nudo le fragilità e le ossessioni di potere dell’ universo maschile. Rappresentare e successivamente deridere questo mondo di padri-padroni è fonte di sicuro divertimento. Ecco allora che la messa in scena riesce nel suo intento dichiarato di suscitare quel piacere e quel divertimento che appare precluso ai personaggi. Lo fa sfruttando appieno la verve umoristica di Natalino Balasso ed avvalendosi di efficaci stratagemmi. Pensiamo ad esempio alla continua alternanza fra teatro e meta-teatro (elemento già presente nel testo di Goldoni ma qui decisamente accentuato) o all’idea vincente di far rimanere costantemente in scesa tutti gli attori. Del resto, a differenza del cinema, il teatro è interattività, è partecipazione.  

 

I Rusteghi

Regia: Gabriele Vacis
Traduzione e adattamento: Gabriele Vacis e Antonia Spaliviero
ATTORI: Eugenio Allegri, Mirko Artuso, Natalino Balasso, Jurij Ferrini,  Nicola Bremer, Christian Burruano, Alessandro Marini, Daniele Marmi.
Composizione scene, costumi, luci e scenografia: Roberto Tarasco
Orari: dal martedì al sabato ore 20.45
giovedì 10, mercoledì 16, sabato 19 maggio ore 16.45
tutte le domeniche ore 16.45
lunedì chiuso
INFORMAZIONI
Botteghino: 06/6794585
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: http://www.teatroquirino.it/

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]