Giovedì, 17 Maggio 2012 18:10

Cannes 2012. Parole, polemiche e decalogo di Moretti

Scritto da

CANNES (corrispondente). “ Moonrise kingdom" di Wes Anderson, che ha inaugurato la 65ma edizione del Festival di Cannes,  vanta nel cast Edward Norton  (chi non lo ricorda in “Fight club”?), Bruce Willis (Finalmente senza fucile e molto altro), Tilda Swinton (indimenticata “Orlando” cinematografica da Virginia Woolf)  e Bill Murray (che si è presentato con una divertente giacca patchwork) eppure il cast non é bastato a infiammare gli animi,  il film ha avuto una tiepida accoglienza da parte del pubblico, nonché della stampa.

Sarà per le “inquadrature geometriche, dall’alto in basso, da destra a sinistra” come commenta dalla Croisette Francesco Castelnuovo?   I due protagonisti della pellicola,  i piccoli  Jared  Gilman      ( Sam) e    Kara  Hayward (Suzy),  dodicenni  al debutto sul grande schermo, sono stati i veri protagonisti della giornata. Largo ai giovani.

Naturalmente le polemiche non sono mancate: ad inaugurarle è stato il collettivo femminista La Barbe, denunciando l’assenza di registe donne tra i  22 film in concorso. Il Direttore del festival Thierry Fremaux ha immediatamente ribattuto: le opere vengono scelte in base alla loro qualità e non in base al sesso dell’autore. Nessun filmato di una donna sarebbe stato dunque ritenuto “di qualità” ? Tutte avrebbero fatto brutti film? Possibile? Ci chiediamo…

Nanni Moretti, il presidente della giuria che gode in Francia di grande considerazione, ha dal canto suo stilato il decalogo del giurato perfetto: poco divertimento e frequenti riunioni, almeno una ogni due giorni, mantenendo naturalmente il segreto sui loro contenuti; i film li devono vedere tutti e per intero,  e nessuno applaudire alla fine delle proiezioni. Ma Moretti di chiedere ai suoi giurati di non frequentare i party, come fece a Venezia nel 2001, stavolta non se l’è sentita. “Un film che mi sorprenda, che rifletta sia sulla realtà sia sul cinema” è l’ambizione di Moretti Presidente  però, commenta ironicamente e sornione: “sono parole, parole, parole…”

Ad accendere lo schermo della sezione Un certain regard presieduta da Tim Roth, è stato  il cinese Mystery di Lou Ye che torna a Cannes dopo il divieto di girare film per cinque anni impostogli dalle autorità del suo Paese nel 2006 per aver presentato al festival il film senza la loro autorizzazione.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]