Mercoledì, 30 Maggio 2012 17:43

Teatro Quirinetta. “Come fu che in Italia scoppiò la rivoluzione ma nessuno se ne accorse”. Recensione

Scritto da

ROMA - La vicenda narrata si svolge nel 2161. Trecento anni dopo l'unità, l'Italia è ancora un paese senza forma, senza organizzazione ma soprattutto senza memoria. Leggenda vuole che ci sia stata una rivoluzione, non si sa bene quando, non si sa bene come. Una giovane laureata in storia antica si cimenta nell'arduo compito di  far luce su un passato (il nostro futuro prossimo) a dir poco nebuloso.  E' una lotta contro i mulini a vento.

Questo variegato spettacolo teatrale vive di momenti contrapposti che giungono tuttavia ad una efficace sintesi .I monologhi a sfondo politico e sociologico si alternano infatti  a momenti più svagati e in apparenza leggeri. In verità in ogni attimo lo spettacolo offre  numerosi spunti di riflessione. L'Italia è rappresentata come una nazione magmatica.  Un gigantesco blob che ingloba tutto ed il contrario di tutto continuando a perpetuarsi nell'indefinitezza.  Del resto: "non si può ri-formare ciò che non ha forma".

Ad uno Stato disorganizzato ha fatto da contraltare una criminalità, quella si,  organizzata e non sorprende che l'uno si sia integrato per necessità logistiche con l'altra. Ma come si è potuto scivolare inesorabilmente in una condizione di anomia pervasiva? L'opera ci illustra una tesi suggestiva. Il linguaggio, che contribuisce a dar forma alle menti ed alla società, è stato progressivamente mortificato attraverso una erosione dei significati. Non si sa più bene cosa vogliano dire le parole.

Il concetto di libertà è stato contaminato con quello di liberalismo. La nostra "democrazia" è in realtà una "democrazia pop". A sentir parlare di "popolo" viene quasi il disgusto.  Non sorprende quindi che una eventuale rivoluzione, non avendo più i termini con cui esprimersi ed imprimersi nell'immaginario collettivo, sia stata presto dimenticata.

 Il "braccio armato" dell'impoverimento culturale è costituito ovviamente dai mass media. In questo contesto, nella sequenza forse più significativa dello spettacolo, l' importante giornalista di un telegiornale nazionale si rivela essere  un generale al servizio delle forze governative. Per quel ci riguarda, considerando  la situazione culturale e sociale italiana, andare a teatro a vedere spettacoli come questo rappresenta un atto non violento di "resistenza" auspicando che la "rivoluzione" non resti che l'ultima carta che non sarà necessario giocare.

Uno spettacolo di: Davide Carnevali
Regia: Eleonora Pippo
Attori: Raimondo Brandi, Luca Di Prospero, Marco Lorenzi, Barbara Mazzi, Maddalena Monti


Sito internet: www.teatroquirinetta.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]