Mercoledì, 13 Giugno 2012 18:46

“Venti anni” di storia occidentale secondo la Gagliardo. Recensione

Scritto da

ROMA - 9 novembre 1989: cade il muro di Berlino. 16 settembre 2008: crolla Lehman Brothers. Due crolli, quello del comunismo e quello del capitalismo. Nel mezzo, vent’anni di storia occidentale raccontati con gli occhi di un uomo e una donna che hanno vissuto quegli eventi in prima persona. Vent’anni di esperienze, ricordi, riflessioni politiche e sociologiche. Venti anni per concludere che, in fondo, il sistema comunista e quello capitalista hanno fallito entrambi, anche se in modo diverso.


Giovanna Gagliardo torna ancora una volta a parlare di storia recente, e lo fa attraverso gli occhi di due protagonisti - per lo più inconsapevoli - degli sconvolgimenti di fine secolo. Giulio e Marta, allora ventenni, sono infatti oggi due quarantenni che navigano a vista nella crisi economica contemporanea, reinventando se stessi e il proprio lavoro giorno dopo giorno.
Il film sviscera con efficacia il senso degli eventi che racconta: la crisi degli abitanti della Germania Est dopo la caduta del muro e la curiosità dei giovani socialisti per il mondo occidentale, entrambi elementi che magistralmente aveva saputo interpretare - con tutt’altro tocco e tutt’altro spirito - il Good bye Lenin di Becker . Ma anche la crisi del capitalismo, l’imperante individualismo che trasforma e soffoca la società occidentale, la smania di crescere ad ogni costo e con ogni mezzo.


Ottima idea di fondo, dunque. Peccato che nel complesso la realizzazione finale del prodotto non sia all’altezza delle buone intenzioni iniziali. Innanzi tutto, la forma narrativa del docu-fiction frammenta il racconto e crea un senso di distanza e di artificiosità che permane per tutta la durata del film. Le riflessioni degli esperti, collocate in un unico blocco in fondo al racconto, anziché sciolte nella narrazione documentaristica, appaiono del tutto slegate dal contesto. In quest’ottica il loro unico scopo appare quello di avallare la tesi - unica - propugnata fin dall’inizio, togliendo allo spettatore qualsiasi libertà interpretativa.
A questa faticosa struttura narrativa si aggiungano, poi, delle scelte di regia al limite del didascalico, come quando alle parole “guardati allo specchio” Giulio vede riflessa la sua immagine nello schermo del computer iniziando una lunga riflessione sulla sua vita passata, presente e futura. Riflessione non casuale, visto che gli elementi melodrammatici ritornano con una certa insistenza - siamo pur sempre in una fiction! - anche laddove non ne sentiremmo affatto il bisogno.


Enrico Ianniello e Lea Gramsdorff hanno fatto del loro meglio per supportare dei personaggi tratteggiati così nettamente da sconfinare a volte nello stereotipo, quando non nella caricatura. Si prenda Giulio: capelli impomatati, loden e Sole 24 ore sotto il braccio, è un genio della finanza filoamericano di idee destrorse, nonché un uomo del sud dai sani principi (che non gli impediscono però di tradire la consorte). Ingaggerà un investigatore privato sospettando che sua moglie non gli sia fedele, per poi lasciarla e trasferirsi da Marta, lamentandosi perché l’appartamento in cui lei vive “è troppo di sinistra per i suoi gusti”.
Nel complesso, dunque, questo “Venti anni” è un film che parte da ricostruzioni plausibili e ben documentate - le immagini di repertorio supportano degnamente il racconto di una Berlino che non c’è più - per finire però nel solito appiattimento della finzione televisiva. Un’ottima occasione sprecata, insomma.

Venti anni


Regia di Giovanna Gagliardo
Soggetto: Giovanna Gagliardo, Carlo Macchitella, Alessandra Acciai
Sceneggiatura: Giovanna Gagliardo, Enrico Medioli
Prodotto da Carlo Macchitella
Con: Enrico Ianniello, Lea Gramsdorff, Edie Samland, George Meyer, Giuseppe De Rosa, Veronica Raucci
Interviste: Michelangelo Pistoletto, Guido Rossi, Marianne Birthler, Jean-Paul Fitoussi, Joaquìn Navarro-Valls, Ernesto Galli Della Loggia
Nazionalità: Italia
Durata: 80’
Anno di produzione: 2011
Al cinema dal prossimo 15 giugno

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]