Mercoledì, 26 Settembre 2012 16:35

Cesare deve morire. I detenuti e l’Oscar

Scritto da

ROMA -  La Commissione di selezione, istituita presso l'Anica (Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediale), su incarico dell'Academy Award ha stabilito che il film  candidato all’Oscar per l’Italia è “Cesare deve morire” dei fratelli Taviani.

L’opera si era già aggiudicata  l’Orso D’Oro al Festival Internazionale del Cinema di Berlino – 62° Edizione;  5 David di Donatello, tra i quali il Premio come Miglior Film dell’anno, e  il “Nastro d’Argento dell’anno” assegnato dall’SNGCI, il sindacato dei giornalisti cinematografici italiani.
Paolo e Vittorio Taviani hanno realizzato “Cesare deve morire” attraverso mesi di riprese nelle celle e nei corridoi delle Sezioni del carcere di Rebibbia, con un cast di soli detenuti-attori, alcuni dei quali ergastolani.   Il film, prodotto da Kaos Cinematografica  con Rai Cinema, è la punta di diamante di un esperimento che adotta il teatro quale  strumento taumaturgico per il reinserimento dei reclusi, fornendo loro strumenti nuovi per l’analisi della propria esperienza, filtrando attraverso le parole dei poeti il senso della loro  vita e dei rapporti con gli altri. Risultato: una rinascita, una diversa identità. Nel film “Reality” di Matteo Garrone, ad esempio, Aniello Arena, attore detenuto che fa parte della compagnia della Fortezza, interpreta il protagonista in maniera perfetta e può a buon diritto essere ritenuto uno dei migliori attori in circolazione.
“Cesare deve morire” prende forma, passo dopo passo, negli spazi chiusi o in quelli recintati dell'ora d'aria,  raccontando come, attraverso prove che coinvolgono i carcerati visceralmente, la grande tragedia si realizzi,  scoperchiando l’oscurità  quotidiana del condannato. Paolo e Vittorio Taviani, appresa la candidatura, hanno dichiarato: “Ci stiamo imbarcando per il festival di  NEW YORK e la notizia che ci ha raggiunto è davvero un bel buon viaggio. I film che concorrevano erano film di autori importanti per il cinema italiano e non solo italiano. Comunque il gioco è appena cominciato."

Il film dei Taviani se la vedrà con concorrenti validissimi, tra cui il candidato per l’Austria Amour di Michael Haneke (Palma d'oro a Cannes 2012), per la Francia, Quasi amici di Olivier Nakache,  per  la Germania, Barbara di Christian Petzold (Orso d'argento a Berlino 2012, secondo dopo il film dei Taviani). Ma ha al suo arco la freccia della catarsi di uomini che conoscono la zona tragica della vita e sanno comunicarla:  in qualche modo un miracolo che, a qualunque latitudine, non può lasciare indifferenti.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]