Sabato, 29 Settembre 2012 11:52

Step Up Revolution 3D: l’amore è danza. Recensione. Video

Scritto da

ROMA - La serie dei film Step Up, che nel 2006 fece diventare il giovane Channing Tatum l'idolo delle ragazzine, è diventata negli anni un vero e proprio franchising.

Il quarto capitolo, nelle sale italiane dal 4 ottobre, di certo non deluderà i fan di queste favole hip-hop. Step Up Revolution possiede le stesse coordinate dei tre film precedenti, unisce le ultime tendenze della street dance a una storia d'amore modello Romeo e Giulietta, ma con una nuova ambientazione e nuovi protagonisti.

Sean è il capo della banda di ballerini The Mob, che organizza flash mob nelle zone più esclusive di Miami per cercare di attirare l'attenzione e vincere un grosso premio in denaro. Durante una festa incontra Emily, la figlia del proprietario dell'hotel in cui lavora come cameriere, e la aiuta ad entrare nei Mob. Ma quando il padre della ragazza presenta un progetto che demolirebbe il quartiere in cui abitano Sean e i suoi amici per costruire hotel di lusso, i due ragazzi saranno costretti a scegliere da che parte stare.

Una trama piuttosto scontata, ma non è certo la sceneggiatura il motivo per cui andare a vedere questo film. O meglio, questo gigantesco videoclip di 97 minuti in cui si susseguono una dopo l'altra delle sorprendenti scene di ballo. Coreografie che sembrano sfidare le leggi di gravità, che uniscono la danza alle arti visive e alle tecnologie più avanzate, veri e propri spettacoli curati in ogni particolare che uniscono diverse influenze e tipi di ballo. A coronare l'esplosivo effetto visivo delle esibizioni, poi, entra in gioco il 3D, qui usato sapientemente, che riesce ad andare perfettamente a braccetto con i numeri più acrobatici.

I due giovani e bellissimi protagonisti Ryan Guzman e Kathryn McCormick, entrambi per la prima volta sul grande schermo, non brillano forse per le loro capacità attoriali, ma riescono ad attirare l'attenzione dello spettatore non appena iniziano a ballare, sia da soli che circondati dalla crew dei Mob. Il regista esordiente Scott Speer ha giustamente puntato tutto sul ritmo del montaggio e la qualità della colonna sonora, oltre ovviamente alle acrobazie degli straordinari ballerini. Sotto questo punto di vista, Step Up Revolution colpisce nel segno. Un cinema superficiale, ma sorprendentemente efficace quando deve intrattenere.

Step Up 4 Revolution 3D
USCITA CINEMA: 04/10/2012
GENERE: Romantico, Musicale
REGIA: Scott Speer
SCENEGGIATURA: Jenny Mayer
INTERPRETI: Kathryn McCormick, Ryan Guzman, Alyson Stoner, Adam G. Sevani, Chadd Smith, Stephen Boss, Jessica Guadix
PRODUZIONE: Offspring Entertainment, Summit Entertainment
DISTRIBUZIONE: M2 Pictures
PAESE: USA 2012
DURATA: 97 Min

Step up revolution – beach dance

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]