Lunedì, 17 Gennaio 2011 14:26

American Life: la nuova commedia di Sam Mendes

Scritto da

Un interessante affresco della classe media americana


Commedia che fa riflettere. Dramma che fa sorridere. Non c’è modo per definire in maniera compiuta e inequivocabile il nuovo film di Sam Mendes “American Life” (titolo originale “Away we go”). Meno graffiante di “American Beauty”, pellicola che consacrò Mendes come regista di culto e gli valse l’oscar, American Life colpisce per l’interessante affresco della classe media americana, sempre più confusa e priva di valori. Nel viaggio di due trentenni Burt (John Krasinski) e Verona (Maya Rudolph), alla ricerca di un luogo adatto dove far nascere la loro bambina emerge chiara una critica divertita e corrosiva verso lo stile americano e gli stereotipi di un mondo occidentale che sta andando in pezzi. Phoenix, Tucson, Winsconsin, Montreal, Miami sono le città che conosciamo attraverso gli occhi di questa coppia, ancora adolescenziale e indecisa, che cerca modelli di riferimento negli altri senza comprendere che la vera maturità si trova solo lavorando dentro se stessi e facendo emergere le qualità migliori della propria interiorità. Attraverso il loro progressivo disincanto e presa di distanza dalle false certezze dei loro amici e parenti, comprendiamo meglio quanto sia difficile vivere in America e come sia importante mantenersi saldi dentro se stessi senza farsi attirare dalle mode e dal moralismo ipocrita. Il  film, tratto da una sceneggiatura originale di Dave Eggers e Vendela Vida si avvale della bella colonna sonora  del cantautore Alexi Murdoch che accompagna con accattivante melodia le scene più incisive e struggenti. Un film intenso, avvolgente, divertente e, a tratti geniale, che consigliamo a tutti coloro che si apprestano al lasciare il nido per affrontare la vita “adulta”.

Curiosità

Le canzoni di Murdoch sono state usate spesso nei film per il cinema e la televisione, ma American Life è il primo film per cui il cantatutore ha composto l’intera colonna sonora originale. La sua canzone “Orange Sky” compariva nel film di Zach Braff La mia vita a Garden State, e in uno degli episodi della serie tv The O.C.; e uno dei suoi pezzi inediti, “Through the Dark”, figura nella scena finale del film di Ben Affleck Gone Baby Gone e in un episodio della quinta stagione di Dr. House – Medical Division. Tra i suoi pezzi più famosi ricordiamo “All My Days”, “Blue Mind” e “Home.”

Trailer


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Europa

Resisti mia bella Europa verdeggiante culla dei secoli.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La ruota della vita

Si cresce e dentro si muore Si grida e nessuno ci ascolta.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Fertilità. L’orologio biologico non segue i nostri comodi

Convegno Rotary con il dottor  Alberto Vaiarelli, specialista di medicina della riproduzione, fondatore di ”Idee fertili”

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]