Domenica, 25 Novembre 2012 16:27

Casa dei Teatri. A villa Doria Pamphilj batte il cuore di Cechov

Scritto da

ROMA - Nella sua breve vita Anton Cechov visitò l'Italia ben tre volte. Per il celebre drammaturgo e scrittore russo il nostro Paese era semplicemente il "Paese delle meraviglie".

Avrebbe voluto tornarci una quarta volta, passando per l'Italia prima di tornare in patria, ma la morte lo colse in Germania a soli 44 anni per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute minate dalla tubercolosi. Il suo mito non ha mai abbandonato l'Italia nel corso del XX secolo e oggi la Casa dei Teatri di Villa Doria Pamphilj a Roma gli rende omaggio con la mostra "Anton Cechov in scena", una collezione di fotografie, locandine, oggetti di scena e bozzetti di scenografie e costumi a testimonianza degli innumerevoli allestimenti delle sue opere nei teatri russi.


I materiali della mostra – aperta al pubblico dal 25 novembre al 27 gennaio - provengono dal Museo Statale del Teatro A.A. Bakhrushin di Mosca. Le cinque opere al centro del percorso espositivo sono le celebri Ivanov, Zio Vanja, Il giardino dei ciliegi, Il gabbiano e le Tre sorelle, evocate ognuna sulle corde del simbolismo: un tavolino da tè per un ospite mai arrivato per Ivanov o i sacchi di ciliege e marmellate per Il giardino dei ciliegi, ad esempio. Le camere che compongono la mostra sono state allestite come gli interni delle case della piccola e media borghesia russa di provincia del secolo scorso, proprio come la casa delle tre sorelle Masa, Olga e Irina che smaniano per ritornare dalla campagna a Mosca, tra i luoghi della loro infanzia. Sul pavimento un manto di foglie secche, in spazi vuoti popolati solo da ombre e ricordi.
All'inaugurazione della mostra, il direttore del Museo Statale del Teatro A.A. Bakhrushin ha ricordato la "modernità della drammaturgia cechoviana e la sua impronta su tutto il teatro contemporaneo". E gli spazi della mostra rappresentano proprio le caratteristiche principali degli spettacoli cechoviani, con le scenografie essenziali che lasciano il passo ai drammi esistenziali e all'analisi psicologica dei suoi protagonisti. All'interno della mostra la figura di Anton Cechov emerge tanto con il richiamo delle sue cinque opere teatrali maggiori quanto con quello alla sua persona. E un calice di champagne, tra una foresta di betulle, ci ricorda gli ultimi momenti di vita dell'autore, morto la notte del 2 luglio del 1904 dopo aver sorseggiato proprio una coppa del vino francese.  


Largo 3 giugno 1849 angolo via di San Pancrazio - ingresso Arco dei Quattro Venti
dal 25 novembre 2012 al 27 gennaio 2013

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Odd agency, artigiani dell’hi-tech tra reale e virtuale a lavoro per la cultur…

Odd agency, artigiani dell’hi-tech tra reale e virtuale a lavoro per la cultura. Intervista

Abbiamo parlato con Fabrizio Pedone, socio della start up che, utilizzando intelligentemente la tecnologia, realizza eventi multimediali di grande qualità, in particolare video mapping 

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Ricerca. Al Policlinico Gemelli di Roma scoperto un biomarcatore che prevede l…

Ricerca. Al Policlinico Gemelli di Roma  scoperto un biomarcatore  che prevede la gravità del Covid-19

Intervista a Veronica Ojetti, gastroenterologa e professore del Dipartimento di Scienze dell’emergenza, anestesiologiche e della rianimazione della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e ricercatore di Medicina Interna all’Università Cattolica...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Sport

E se fosse l'anno buono della Roma?

E se fosse l'anno buono della Roma?

Ad inizio campionato non era ritenuta tra le favorite per la lotta allo scudetto.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]