Mercoledì, 03 Aprile 2013 12:05

Teatro dei Servi. “C’eravamo troppo amati”. Il divorzio fa bene all’amore. Recensione

Scritto da

ROMA - Si parte con il più nobile degli intendimenti: fedeli per tutta la vita. Molto spesso si finisce, negli ultimi anni quasi sempre, dagli avvocati a reclamare indietro qualsiasi cosa che si è investito nel matrimonio. Solo una casualità o hanno ragione quei saggi che dichiarano l’istituzione del matrimonio un fallimento?

Il divorzio è l’estremo gesto di persone evidentemente infelici o rimedio naturale per riscoprirsi innamorati?. “Ceravamo troppo amati”, in scena al Teatro de’ Servi dal 2 al 21 Aprile, è la commedia meglio riuscita che ci fa riflettere sui sentimenti e sulle dinamiche di coppia. Sorridendo ci svela una realtà che può sembrare anche amara. La separazione, o nei casi più decisi il divorzio, può aiutare a riscoprire un amore sepolto dalla routine quotidiana? A quanto pare sembra essere la medicina più adatta per rinvigorire un amore dato per spacciato. Michele La Ginestra e Michela Andreozzi interpretano due coniugi che dopo sei anni, coppia tra le più fortunate di questi tempi, decidono di separarsi. Una storia d’amore al contrario, la separazione come punto di inizio. Tra gag irresistibili, spesso surreali, e i momenti classici di una separazione, come quella di dover dividersi i beni in comune, i due si riscoprono innamorati. Nonostante il cambio di casa, i nuovi compagni, l’imbarazzo di comunicare ai parenti il divorzio, i due sono più legati di prima. Da coniugi ad amanti con un finale a sorpresa. Dopo anni di repliche con il tutto esaurito nei teatri francesi, arriva  la commedia di Pierre Palmade e Muriel Robin, tradotta da Michele la Ginestra, che rende esilarante ed insieme intelligente e semplice una commedia a due personaggi. Dove il fallimento diventa speranza e la noia si riscopre amore. La regia di Roberto Marafante fa si che lo spettatore è catapultato nella vita dei due coniugi grazie ad un susseguirsi di situazioni realizzate con pochi elementi semplici, che si trasformano come giocattoli, e da personaggi che non si vedono ma che il dialogo rende concreti. Una commedia che racconta di sentimenti veri capaci di far ridere e di commuovere allo stesso tempo. La coppia La Ginestra-Andreozzi è la ciliegina sulla torta per questa commedia che ha l’odore di essere un grandissimo successo.


TEATRO DE’ SERVI
C’ERAVAMO TROPPO AMATI
DAL 2 AL 21 APRILE 2013
Di Pierre Palmade e Muriel Robin
Traduzione di Michele la Ginestra
Con Michele La Ginestra e Michela Andreozzi
Regia Roberto Marafante

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]