Domenica, 06 Febbraio 2011 19:31

"Rabbit Hole", con Nicole Kidman plastificata ma sempre attraente

Scritto da

Dall’11 febbraio nelle sale l’ultimo film di Nicole Kidman post botulino “Rabbit Hole”, dove l’attrice australiana è produttrice e interprete nel film del regista americano John Cameron Mitchell (autore anche di “Hedwig” e “Shortbus”)

Il film con la Kidman e con l’attore americano Aaron Eckhart, Rabbit Hole, si regge soprattutto sull’interpretazione dell’attrice australiana, decisa a risalire la china dopo le ultime incerte prove date in Fur e Australia. Ma le prime immagini del film, che vedono la Kidman ripresa di profilo, gettano subito lo spettatore nello sconforto: è Lei o non è Lei? La bocca a forma di canotto e il viso tirato farebbero propendere per un “no”. Poi, piano piano, ci si abitua a questa nuova Kidman in versione plastificata che, comunque, riafferma le sue grandi doti drammatiche vincendo anche la prova botulino. Diversamente non poteva essere perché il tema del film, tratto dall’adattamento di un lavoro teatrale di David Lindsay-Abaire, è di quelli che lasciano il segno: come si può ancora avere una ragione di vita dopo la perdita di un figlio? Il dilemma è lacerante e i due protagonisti, Becca e Howie, genitori del piccolo, reagiscono in maniere diverse, lui sprofondando nel ricordo e nel misticismo, lei cercando in tutti i modi di far ripartire la macchina della vita. Il finale semi-consolatorio non dirime la questione.

Il film presentato alla 5° Edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, aveva lasciato le stesse sensazioni a metà tra il compiaciuto e il non risolto anche fra il pubblico e la critica. La prova dell’attrice australiana era sicuramente ad alti livelli ben coadiuvata dal resto del cast, ma appunto per questo, sembrava che il film si reggesse soprattutto per le doti interpretative della Kidman. Del resto l’attrice australiana aveva creduto tanto in questo film, forse per rilanciarsi, che ha partecipato alla produzione con un budget di tutto rispetto, 10 milioni di dollari.

Comunque gli sforzi non sono stati vani e sono stati ripagati con una nomination all’Oscar come migliore attrice per Nicole Kidman, ma se la dovrà vedere con un’agguerrita Natalie Portman per “The Black Swan” e con la grande Annette Bening per “The Kids are all right”. Staremo a vedere come andrà a finire il 27 febbraio prossimo venturo nella notte degli Oscar.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]