Martedì, 16 Aprile 2013 19:02

Teatro Quirino. “La governante” di Vitaliano Brancati. Recensione

Scritto da

ROMA - Vi sono testi che hanno perennemente funzione di sciogliere nodi irrisolti in tema di intolleranza, censura e perbenismo: “La governante” di Vitaliano Brancati è uno di questi. Il dramma teatrale fu interdetto alle scene perché “contrario alla morale” e osteggiato per i temi che scandaglia.   


“La governante”  racconta di  Caterina Leher, francese assunta come governante appunto, in casa Platania, borghesi siciliani trapiantati a Roma. Leopoldo, il patriarca, ha sacrificato alla “sua” morale la vita di una figlia, morta suicida: nasconde al suo interno il peso della colpa. Caterina è considerata da tutti un modello d’ integrità, ma custodice il segreto dell’omosessualità, tanto che calunnia una giovane cameriera dei Platania attribuendole le proprie tendenze e causandone il licenziamento. La storia, avvolta nell’oscurantismo degli anni cinquanta, sfocia in tragedia. “La governante” è un j’accuse del pregiudizio e della censura.  Uno dei personaggi, lo scrittore Alessandro Bonivaglia, alter ego di Brancati, dice: “La moralità italiana consiste tutta nel censurare. Non solo non vogliono leggere o andare a teatro, ma vogliono essere sicuri che nelle commedie che non vedono  e nei libri che non leggono non ci sia  nessuna delle cose che essi fanno tutto il giorno, e dicono”. Nella piéce è possibile scoprire intatte le tracce dei mali che ancora oggi sopravvivono: tabù sessuali, gallismo, falsi moralismi, divisioni etniche forzate, censure, ipocrisie profonde dei poteri di ogni tempo.
Proprio nel momento in cui l’Italia si interroga su come resistere alle difficoltà economiche Alessandro Bomivaglia dice ancora: “Spirito di sacrificio? No. Non ho visto mai un ricco italiano proporre una legge che riduca i suoi guadagni per aumentare il benessere del paese”.  Un come eravamo al passo con l’attualità,  che cerca di rispondere all’interrogativo su come sapremo essere.
Nel sessantesimo anniversario della pubblicazione del capolavoro teatrale di Brancati, lo stabile di Catania propone al teatro Quirino questo nuovo allestimento, realizzato da una equipe di alto profilo:  spettacolo coinvolgente, spietata critica sociale,  che avvicina alla comprensione di ciò che ancora siamo.

ROMA - Teatro Quirino
martedì 16 prima ore 20.45
repliche fino al 28 aprile
Teatro Stabile di Catania
LA GOVERNANTE
di Vitaliano Brancati
regia Maurizio Scaparro
scene e costumi Santuzza Calì
musiche Pippo Russo
luci Franco Buzzanca
con Pippo Pattavina  Giovanna Di Rauso
Max Malatesta   Marcello Perracchio   Giovanni Guardiano
Valeria Contadino   Veronica Gentili   Chiara Seminara

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]