Martedì, 21 Maggio 2013 17:11

Cannes 2013. “Un chateau en Italie”, in concorso e parla italiano. Recensione. Trailer

Scritto da

CANNES (nostro corrispondente) Ebbene, chi pensa che a Cannes l'Italia sia rappresentata solo da Paolo Sorrentino con il film "La grande bellezza", si  sbaglia di grosso. Sul tappeto rosso della Croisette c’è un altro film che parla italiano e che, in parte, mostra i paesaggi e le belle ville italiane.

Si tratta del film in concorso "Un château en Italie" di Valerie Bruni Tedeschi con un cast che vede, nel ruolo di co-protagonista Filippo Timi, Silvio Orlando e una fantastica Marisa Borini.  La storia è presto fatta: una famiglia benestante costretta a vendere l’antica villa, un amore inconsueto a lieto fine, la malattia e la morte.
Louise (Valeria Bruni Tedeschi) e Ludovic (Filippo Timi) sono i rampolli di una nobile famiglia caduta in disgrazia. I Levi, cosí si chiamano, sono lo stereotipo della decadenza. Un tempo ricchi, ora costretti a vendere il castello di Castagneto, non ancora vecchi ma neanche giovanissimi si sollazzano tra ricordi e risatine infantili. Ma se Louise non si rassegna allo scadere del tempo e cerca a tutti i costi una gravidanza assisitita con un giovane attore di belle speranze (Louis Garrel), Ludovic vive il dramma dell’AIDS. Nel film c'e un po' di tutto: i soldi che mancano per mantenere un castello sfarzoso, le aspirazioni mancate e la malattia. Il tutto squisitamente infarcito di stereotipi italiani, di superstizione e di canzoni alla Buscaglione. La casa è il personaggio principale: “le generazioni passano ma le case restano” dichiara la regista che riceve i complimenti del suo partner nel film. “Valeria è stata bravissima a dirigerci è una regista con le …palle” afferma Timi che quando gli hanno proposto il ruolo pensava di non essere il tipo giusto. Invece, se l’è cavata piú che bene. Il film è grazioso e delicato, forse mostra un'Italia che non c'è piu' ma sopravvive grazie ai ricordi di chi, per un motivo o per un altro è emigrato tanti anni fa. Inutile negarlo, il film della Bruni Tedeschi ha qualcosa di autobiografico e molto snob.
Le belle ambientazioni dei paesaggi invernali, le gag sulla superstizione napoletana che strappano qualche sorriso, e tanti temi forti raccontati con leggerezza. La leggerezza tipica del cinema francese che nel caso di "Un château en Italie" strizza l'occhio al mercato europeo o quanto meno nostrano, magari senza palma ma con la speranza di guardare un giorno, chissá, piú in lá.

Un chateau en Italie - Trailer

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]