Martedì, 28 Maggio 2013 12:34

Teatro Le maschere. “Pinocchia”, Recensione

Scritto da

ROMA -  E’ andato in scena il 23 ed il 24 maggio presso il teatro “Le Maschere” di Roma (Via Aurelio Saliceti 1/3), lo spettacolo “Pinocchia”. In questa interessante rivisitazione dell’opera di Collodi, Geppetto è un uomo solitario, cliente abituale delle “hot line” telefoniche.

Per garantirsi un po’ di compagnia acquista un androide, Pinocchia, che funge probabilmente da oggetto sessuale, sicuramente da punto di riferimento affettivo. Pinocchia tuttavia, a suon di bugie, manifesta progressivamente la propria voglia di indipendenza. Il gatto e la volpe, subdoli consiglieri, la introdurranno nel mondo dello spettacolo. Sarà l’inizio del successo? Improbabile…

La messa in scena, a cura di Monia Manzo, si inceppa un po’ all’inizio ma si mette gradualmente in moto realizzando un felice crescendo. Proprio nella parte finale assistiamo a due sequenze memorabili. Nella prima le classiche orecchie d’asino di “Pinocchia” arrivano a somigliare pericolosamente a quelle di una coniglietta di playboy. Nella seconda un impietoso show televisivo senza scrupoli infierisce sul povero Geppetto esponendolo ad un pubblico ludibrio massacrante. L’adattamento di Stefano Benni gioca intelligentemente con gli spunti offerti dal testo letterario e li mescola con un’ impietosa analisi dei rapporti affettivi al giorno d’oggi. Raffigura una società in cui si sono drammaticamente realizzate le visioni di “Blade Runner”. Siamo immersi in un microcosmo inquietante nel quale la massima aspirazione possibile sembra essere quella di godere di un surrogato di vita vera. Eppure pare che anche in una condizione così limitante possano affacciarsi infine emozioni e sensazioni più “umane” per quanto paradossalmente robotiche. Come l’opera di Collodi la rappresentazione corre sul doppio binario del duro realismo e del divertimento fiabesco. L’umorismo amaro pervade lo svolgimento e spesso è labile il confine fra divertimento goliardico e la triste costatazione di una condizione para-umana poco gratificante. Sta al gusto ed alla sensibilità dello spettatore scegliere volta per volta quale delle due strade percorrere.

SCENEGGIATURA: Stefano Benni

REGIA: Monia Manzo

INTERPRETI: Monia Manzo, Ermanno Manzetti, Malù Rotondi, Gioia Celentani, Aurora Deiana

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]