Martedì, 15 Febbraio 2011 12:28

“L’amore & altri rimedi”: commedia per chi scappa dall’amore . La recensione

Scritto da

ROMA - L’amore, quello che arriva all’improvviso. Quello che rivoluziona ogni certezza e stravolge la vita.

“Amore & altri rimedi” – nelle sale il 18 febbraio – è una commedia sentimentale che ruota sul perno dei sentimenti inaspettati, nascosti dietro l’angolo di una vita grigia, che crivellano l’anima senza far rumore. I due protagonisti, Jamie (Jake Gyllenhaal) e Maggie (Anne Hathaway), sono due giovani, restii a qualunque serio impegno affettivo.
Jamie, informatore farmaceutico in carriera e affascinante seduttore, è alla ricerca di un’identità oltre quella di professionista delle lenzuola. Maggie, affetta dal morbo di Parkinson, si affanna ad ingannare i suoi problemi di salute passando con disinvoltura da un uomo all’altro. Il loro incontro – in cui s’accende una scintilla di passione – è l’inizio del ribaltamento, un po’ prevedibile, delle loro esistenze. La storia snocciola due personaggi che vivono ‘in superficie’, incapaci di approfondire loro stessi e i propri desideri. Jamie e Maggie rappresentano il prototipo – patinato e ‘really american’ – di una generazione spaesata e delusa, egoista e molto frivola che confonde sesso, amore e sentimenti. E che non riesce a vivere con naturale trasporto i rapporti umani senza il terrore di ‘impegnarsi’, di ‘legarsi’.


Nel film queste paure vengono sgretolate dal più potente dei rimedi: l’amore. Che riuscirà ad abbattere ogni resistenza fino all’inevitabile, consolatorio happy end. “L’amore & altri rimedi”, nonostante alcune frettolose sbavature di scrittura, è un prodotto gradevole, dove umorismo, sentimenti e impegno rimangono ordinatamente nei ranghi. Il film – che a tratti può emozionare – ha il garbo di non deragliare verso la commediucola melensa e zuccherosa, strappando anche qualche genuina risata.
Nota: Jake Gyllenhaal, indubbiamente penalizzato da un ruolo-cliché (lo sciupafemmine in fine redento), non va oltre le tre movenze facciali di base, confermandosi adatto a raccogliere l’eredità di Nicholas Cage come miglior attore inespressivo di Hollywood.

USCITA CINEMA: 18/02/2011
REGIA: Edward Zwick
SCENEGGIATURA: Charles Randolph, Edward Zwick, Marshall Herskovitz
ATTORI: Anne Hathaway, Jake Gyllenhaal, Oliver Platt, Hank Azaria, Josh Gad, Gabriel Macht, Judy Greer, George Segal, Jill Clayburgh, Kate Jennings Grant, Katheryn Winnick, Jamie Alexander, Nikki Deloach, Jean Zarzour

Ruoli ed Interpreti

FOTOGRAFIA: Steven Fierberg
MONTAGGIO: Steven Rosenblum
MUSICHE: James Newton Howard
PRODUZIONE: Bedford Falls Productions, Fox 2000 Pictures, New Regency Pictures, Stuber Productions
DISTRIBUZIONE: Medusa
PAESE: USA 2010
GENERE: Commedia, Sentimentale
DURATA: 112 Min
FORMATO: Colore 1.85 : 1

 

Trailer


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]