Sabato, 19 Febbraio 2011 20:27

Circolo degli Artisti. “Calcedonio”, esilarante commedia sull’infelicità umana. La recensione

Scritto da

ROMA - Nella suggestiva cornice de “Il circolo degli artisti” ieri sera un pubblico entusiasta ha assistito alla commedia di Manlio Santanelli “Calcedonio”, con la regia di Carlo Fineschi.  Q

uesta è la storia: Egisto Baldini (Vito Mancusi)  e sua moglie Cesarina (Sabrina Dodaro) organizzano una cena per l’amico Vitaliano (Marco Venienti). I tre riuniti a tavola, simbolo per eccellenza di convivialità  e armonia, in realtà sono infelici: si perdono in musi lunghi, dialoghi paradossali e ripetitivi,  alla ricerca del tempo perduto di una vita piccola piccola.  Quasi casualmente, entra in scena un conoscente comune:  Calcedonio. Quest’ultimo è una sorta di “convitato di pietra” sul quale si canalizza l’attenzione dei tre, focalizzata a sciogliere un enigma senza soluzione: quale sarà l’età di Calcedonio?

Dietro una leggerezza apparente, una comicità paradossale, una mimica divertentissima dei tre bravi attori – si distingue Marco Venienti nella parte di Vitaliano – si dipana tra i personaggi una tensione fortissima legata al garbuglio dei sentimenti, alla paura della solitudine, al tradimento  di tutti contro tutti,  in un gioco di bugie senza tempo, sospeso tra passato e presente. La commedia racconta lo scorrere quotidiano di una vita banale e disperata, dove comunicare tra esseri umani è pressoché impossibile.  La piéce sorprende con colpi di scena, situazioni impreviste e corre veloce in un atto  di un’ora verso un finale appagante che cattura gli applausi dei presenti.

Messa in scena dalla compagni Urlo – che negli ultimi anni si è distinta  con la produzione di eventi legati alla drammaturgia come Garage Olimpo, Frankestein Food, la Conferenza di Yalta -  “Calcedonio” pone in evidenza, senza perdere di vista il divertimento, il nostro sottosuolo esistenziale, la nostra “ombra” di individui intrappolati nella sopravvivenza dove nessuno vola alto, nessuno è felice, eppure, paradossalmente,  ci fa morir dal ridere. L’autore, Manlio Santanelli, uno tra i più amati all’estero, non a caso cita Beckett: “Nulla è più comico dell’infelicità”.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]