Venerdì, 23 Agosto 2013 14:20

Grande Festa al teatro Puccini Con Turandot chiude la stagione lirica

Scritto da

VIAREGGIO - Sabato 24 agosto ultima serata del cartellone lirico 2013 con la favola di Turandot, cui farà da preludio la grande festa organizzata a Torre del Lago dalla Fondazione Festival Pucciniano e dagli operatori del Belvedere Puccini per “Toscana, Arcobaleno d’Estate”, iniziativa promossa dalla Regione per valorizzare il turismo toscano.

Dalle 19 in alto i calici per “Viva il vino spumeggiante”, con artisti in costume e musica dal vivo che trasformeranno il Belvedere Puccini a Torre del Lago in un grande salone delle feste; poi la consegna del premio “Michelangelo Cupisti” al giovane tenore toscano Angelo Fiore e infine, dalle 21,15, il duello d’amore di Turandot, con la straordinaria Giovanna Casolla nel ruolo della gelida principessa. Programma ricchissimo per l’ultima serata del 59° Festival Puccini, sabato 24 agosto, quando la rassegna lirica festeggerà anche il suo compleanno: la prima recita, infatti, è datata 24 agosto 1930, in scena La Bohème diretta da Pietro Mascagni.La chiusura del cartellone lirico 2013 è affidata all’incompiuta pucciniana Turandot, diretta dal maestro israeliano Daniel Oren e, in regia, da uno dei più famosi maestri a livello internazionale, Maurizio Scaparro. Oltre al soprano Giovanna Casolla, acclamata nel ruolo di Turandot dai teatri di tutto il mondo, saliranno in scena Marcello Giordani, volto e voce del coriaceo principe Calaf e il soprano statunitense Kristin Lewis, la fedele schiava Liù. Completano il cast Salvatore D’Agata, Carlo Striuli, Giovanni Guagliardo, Nicola Pamio, Francesco Pittari, Angelo Nardinocchi, Atsuko Koyama, Valentina Boi e  Stefano Fini.Prima di entrare nella fiabesca Pechino, dalle 19 la Fondazione Festival Pucciniano e gli esercenti del Belvedere Puccini accoglieranno i visitatori  con “Viva il vino spumeggiante”, un brindisi collettivo che sarà una passeggiata musicale attraverso due secoli di grande teatro d’opera, con il Corpo Musicale “G. Pardini” di Torre del Lago, l’Ensemble di ottoni dell’Orchestra del Festival e gli artisti della rassegna lirica che si esibiranno nelle arie più celebri. Inoltre, alle 19,30, nel giardino del Gran Teatro all’Aperto si svolgerà la consegna del premio “Michelangelo Cupisti” al giovane tenore fiorentino Angelo Fiore, scelto come voce pucciniana emergente della 59ma edizione del Festival e premiato in ricordo dell’artista viareggino scomparso un anno e mezzo fa.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]