Giovedì, 24 Febbraio 2011 12:49

Teatro Manzoni. “Bisogna uccidere il clown”, commedia del pagliaccio semi-serio. La recensione

Scritto da

ROMA - Le risate tristi sotto la maschera del giullare e una vita assopita nella malinconia spingono Ferdinand Brocolì, ex clown e domatore di cavalli, a commissionare un omicidio: il proprio.

Il protagonista chiede così alla camorra di ingaggiare un killer per mettere fine alle proprie sofferenze. Ma ad essere incaricato del delitto, è il giovane e impacciato Peppino. Tra i due, il primo impreparato a morire e l’altro incapace di uccidere, scatta una reciproca, immediata compassione. Ma l’arrivo degli ospiti che Ferdinand attende per il weekend, complica le cose.  

Tra i primi ad arrivare un giudice e sua moglie, Gabrielle, problematica e apparentemente squinternata,  l’unica in grado di comprendere la profonda inquietudine del clown. Arriva  anche la figlia di Ferdinand, cinica e ambiziosa, accompagnata dal suo fidanzato, un funzionario di polizia.  Tra intrecci, incomprensioni, riappacificazioni e colpi di scena la commedia “Bisogna uccidere il clown” – in scena al teatro Manzoni a Roma fino al 20 marzo – riesce a divertire con garbo.

La piéce, scritta da Jean-Francois Champion e liberamente adattata da un eccellente Carlo Alighiero, protagonista insieme ad Elena Cotta, si muove sulla metafora del pagliaccio triste, del buffone incompreso che sorride e diverte ma nasconde le lacrime. Dietro il naso finto e il cerone del saltimbanco, infatti, – sembra voler dire l’autore – c’è un fortino di debolezze, di umane fragilità, a cui nessuno è interessato. Ciò che il clown deve fare è ridere, deridere, irridere e nulla più. E deve farlo senza sosta, per intrattenere un pubblico, interessato – in platea come nella vita – soltanto al proprio sollazzo. “Bisogna uccidere il clown” segna il grande ritorno al Manzoni di Carlo Alighiero (artista poliedrico, regista, autore, doppiatore di Anthony Quinn e Laurence Olivier) e di Elena Cotta, icone di un teatro autentico, autorevole, dove l’esperienza e il talento sono optional rigorosamente di serie.  In scena anche Riccardo Barbera, Raffaello Benedetti, Eleonora Godano, Fabio Frattasi e Danilo Celli.


Al teatro  Manzoni di Roma fino al 20 marzo

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]