Venerdì, 06 Settembre 2013 14:33

I fratelli Servillo protagonisti dei premi Le maschere

Scritto da

NAPOLI - Si è svolta al Teatro San Carlo, la premiazione delle Maschere del Teatro Italiano, giunta quest'anno alla sua decima edizione, a condurre la serata Tulio Solenghi.

Tra i premiati spiccano i fratelli Toni e Peppe Servillo che portano a casa ben quattro premi con lo spettacolo “Le Voci di dentro”: miglior attore protagonista, miglior regia e miglior spettacolo per Toni Servillo mentre Peppe Servillo si è aggiudicato il premio come miglior attore non protagonista. Lo stesso Toni Servillo, confida che in 35 anni di carriera teatrale è il primo premio che riceve e lo dedica alle spettatrici che comprando i biglietti degli spettacoli permettono al teatro di vivere. Il premio miglior attrice protagonista è andato a Sara Bertolà per “Exit”, mentre il premio Banco di Napoli per il miglior monologo è andato a Michela Cescon per “Leonilde, storia eccezionale di una donna normale”. I coniugi, Simone Mannino e Simona D'amico si aggiudicano i premi per la miglior scenografia e miglior costumi per “C'e' del pianto in queste lacrime”. La Campania la fa ancora da padrone con Valeria Parrella al suo debutto nella drammaturgia con “Antigone” e che si aggiudica il premio nella sezione Autore di novità italiana. Nicola Piovani per la prima volta si aggiudica il premio Miglior Autore di musiche per il teatro con lo spettacolo “La serata a Colono”. Numerose le novità di questa edizione; il premio al miglior spettacolo straniero presentato in Italia al “Don Quichotte du Trocadèro” di Jose Montalvo prodotto dal Théâtre National de Chaillot e il Premio del Presidente ad un sempre verde e talentuoso Eros Pagni. Nel corso della serata un commovente video ricordo delle grandi attrice scomparse quest'anno: Mariangela Melato, Anna Proclemer, Franca Rame, Rossella Falk e Regina Bianchi. Novità assoluta e frutto della collaborazione tra il Premio le Maschere e l'Associazione Mariangela Melato è il Premio Mariangela Melato per artisti emergenti, quest'anno a ricevere il premio, un sipario aperto sul cui arlecchino fisso ci sono i colori dell'Italia e le iniziali della stessa Melato, Valentina Picello e Tindaro Granata, che con emozione hanno ringraziato l’associazione e Anna Melato. Una serata che malgrado le difficoltà che il nostro paese affronta, ha dimostrato ancora una volta quanto la cultura e il teatro rappresentino una risorsa ineguagliabile.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]