Venerdì, 29 Novembre 2013 10:24

Teatro de' Servi. Solo sei bottiglie. Commedia giovanile sbarcata da Zelig. Recensione

Scritto da

ROMA - Al Teatro de’ Servi  ha appena debuttato “Solo sei bottiglie”, una commedia scritta da Federico Basso, volto noto di Zelig, nonchè vincitore della prima edizione del Concorso “Una commedia in cerca di autori”,  rivolto a giovani autori e promosso da La Bilancia, l’organizzazione artistica che gestisce sia il Teatro de’ Servi di Roma, sia il Teatro Martinitt di Milano.

Si tratta di una commedia brillante, che strizza l’occhio alle sitcom di americana concezione, forse un po’ troppo. Infatti, certi flashback, di evidente natura televisiva, rischiano di sfuggire al pubblico teatrale,  attenuando così l’impatto della narrazione.  Interpretata da giovanissimi attori, “Solo sei bottiglie” risulta comunque un lavoro abbastanza gradevole: racconta la storia di quattro amici che gravitano nell’appartamento di Daniele, un brillante manager in carriera, che divide la casa con Loris, uno scatenato creatore di videogiochi e anche un po’ mattacchione. Ogni tanto, irrompe in casa anche Mauro, il fratello di Daniele e di professione attore alla ricerca del successo, che però fatica ad arrivare. Unica donna della compagnia è Cristina, in effetti da qualche tempo la ragazza di Daniele, che però rivela pure qualche momento di debolezza.... Insomma, gelosie ed equivoci animano la scena, mentre il tempo a sua volta  viene scandito da  sei bottiglie, da stappare nelle grandi occasioni; o meglio, in momenti particolarmente significativi:  le bottiglie pari corrispondono ai problemi, quelle dispari alle loro soluzioni.

La scrittura è molto “giovanile”, realista. L’autore si esprime con semplicità, con un linguaggio quotidiano, che ci racconta di un’Italia precaria, dove bisogna rimboccarsi le maniche, visto che il futuro è quanto mai incerto!  Una commedia comunque abbastanza ricca di battute comiche. Gli attori sono tutti  bravi e convincenti: Marisofia Alleva è Cristina, Gabriele Bajo è Mauro Nazzareno Patruno è Loris, mentre  Camillo Rossi Barattini è Daniele.

Come sempre ben misurata e attenta la regia, firmata da Roberto Marafante. E alla fine, “sei bottiglie”  vere, che gli attori regalano al pubblico, mediante estrazione,  per un brindisi natalizio! 

 

Teatro de’ Servi

Via del Mortaro 22 – Roma 

Info:  06.6795130  – www.teatroservi.it 

fino al 15 dicembre 2013

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]