Mercoledì, 04 Dicembre 2013 14:41

Oldboy. Thriller agghiacciante. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Svegliarsi in uno squallido motel senza finestre e non sapere il perché. Accorgersi di non avere alcuna via d’uscita e dopo aver tentato ripetutamente di scardinare la porta, scoprire che nessuno vi aprirà. È questo l’incipit di Oldboy dell’americano Spike Lee, remake della versione del 2003 del coreano Park Chan Wook, liberamente ispirato alla graphic novel giapponese di Tsuchiya e Minegishi che racconta i tanti anni di prigionia di un uomo – rinchiuso ingiustamente - divenuto assetato di vendetta. 

 

La sceneggiatura della versione di Spike Lee ha ripreso quella del manga e ha voluto, però, approfondire il tema della prigionia - protratta da15 a 20anni rispetto all’originale – descrivendo lo stato di frustrazione e abbrutimento fisico e morale in cui viene ridotto il condannato. Tutta la prima parte del film s’incentra sull’isolamento di Joe Doucett, interpretato da un bravissimo e convincente Josh Brolin, che passa dalla depressione e dall'imbarbarimento dei primi anni di detenzione alla feroce determinazione alla vendetta. La trasformazione di Josh da narcisista alcolizzato a macchina da guerra si realizza attraverso un percorso analisi interiore - favorito dall’isolamento - che ne rivela la vera natura. 

 

Nella seconda parte prevale la messa in atto della vendetta, il sangue e i colpi di scena: tanto splatter e pochi sprazzi di originalità rispetto alla versione coreana. Un thriller ben congegnato, agghiacciante per la sua “ingiusta crudeltà”, che ricorda allo spettatore l’ineluttabilità della colpa, dalla quale è impossibile sottrarsi. Un’ora e mezza di suspense e tormento, che vale la pena sperimentare. Ottima prova per Spike Lee, che al suo Oldboy ha dato il valore della coscienza.

Sconsigliato ai deboli di stomaco, per l’alto tasso di scene raccapriccianti.

Oldboy (104 minuti)

di Spike Lee

 

con Josh Brolin, Elisabeth Olsen, Sharlto Copley, Michael Imperioli, Linda Emon, James Ransone e Pom Klementieff

Al cinema dal 5 dicembre 2013

 

Oldboy - Trailer

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]