Lunedì, 06 Gennaio 2014 15:25

Teatro dell’Angelo. Totò Peppino e la malafemmena. Recensione

Scritto da

ROMA - Positivo debutto al Teatro dell’Angelo della commedia TOTO’ PEPPINO E LA MALAFEMMENA,  un celebrato e celebre classico del cinema in bianco e nero, nell’adattamento teatrale scritto da Manzari  Anton - Continenza - Avallone e curato dallo stesso Antonello Avallone, protagonista e regista della divertente pièce. 

La storia è fin troppo nota:  ispirata dalla bellissima e famosa canzone del Principe di Bisanzio Antonio De Curtis, ovvero Totò, la pellicola, diretta da Camillo Mastrocinque,  ci raccontava la storia dei due fratelli Totò e Peppino Caponi (nel film Totò e Peppino De Filippo), che se ne andavano fino a Milano con la sorella Lucia, per rintracciare  il nipote,  invaghitosi di una ballerina, bella e brava, ma, in quanto tale... “malafemmena”! 

Le riduzioni teatrali di soggetti cinematografici, come è noto,  risultano sempre particolarmente difficili ed impegnative: infatti, riuscire a mantenere integra la freschezza dei dialoghi e il sovrapporsi temporospaziale delle singole scene è compito arduo. Ed Antonello Avallone anche stavolta ci è riuscito assai bene. 

Molto interessante il gioco scenico in cui il Totò fratello (spendaccione e gaudente), sottrae mazzetti di banconote dal nascondiglio segreto del fratello Peppino  (parsimonioso e oculato, anzi tirchio!). 

Esilarante è l’arrivo a Milano dei due fratelli Caponi, in pelliccia e colbacco: d’altro canto, a  Milano non solo fa un freddo siberiano.... ma  “quando c’è la nebbia non si vede”.  Ma allora: “Se quando c’è la nebbia a Milano non si vede, come si fa a vedere che c’è la nebbia?”.  Nonché un divertente tormentone di frasi celebri come E ho detto tutto... oppure punto, punto e virgolapunto… e punto e virgola.

Come sempre risulta bravissimo Antonello Avallone nella parte di Totò; a suo fianco Francesco Tuppo si rivela del tutto a suo agio nel ruolo di Peppino Caponi. Accanto ai due, Flavia Di Domenico, efficace nel ruolo della sorella  Lucia, e Matteo Lombardi, che ricopre abilmente due ruoli, Mezzacapa, ossia il famoso confinante dei fratelli Caponi, e l’usciere del teatro milanese, in realtà una personaggio che si rifà soprattutto  al vigile di Piazza Duomo e che Avallone ha abilmente rielaborato traendone interessanti spunti comici. E infatti è proprio con il “Mezzacapa-usciere” che si svolge la famosa gag “linguistica”, quella del “noio vulevan...” . Ricordiamo ancora la presenza sul palcoscenico di Ketty di Porto, nel ruolo di Marisa la “malafemmena”, Silvia Vitale, che interpreta la cameriera e la seconda ballerina, quindi Patrizia Ciabatta,  l’altra ballerina.  

Le  scene e i costumi sono firmati dalla sempre efficace Red Bodò.  

Uno spettacolo che vale la pena andare a vedere! Specialmente durante le festività natalizie! 

Auguri e... buon divertimento a teatro! 

 

 

 

 

Fino al 26 gennaio 2014

TEATRO DELL’ANGELO

Via Simone de Saint Bon n. 19 (V.le Milizie-V.le Angelico)

Info : tel. 06/37513571- 06/37514258

www.teatrodellangelo.it    

 

 

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]