Mercoledì, 15 Gennaio 2014 17:42

Storie di donne tra libertà e coraggio

Scritto da

In scena al teatro Piccolo Re di Roma la rassegna “Donne in viaggio”

 

ROMA - Due serate per raccontare il femminile. La rassegna “Donne in viaggio” sarà in scena il 18 e 19 gennaio al Teatro Piccolo Re di Roma. Due testi originali dal titolo “Amargi” e “Bada-mi” della compagnia di teatro Civile Anemofilia, da anni impegnata nella denuncia delle violenze di genere e nella difesa dei diritti delle donne. 

Amargi, parola sumera che significa "Libertà e ritorno alla Madre", è una pièce che affronta alla radice i dissidi delle donne nate e cresciute nella società contemporanea. Quattro donne distanti più di 2000 anni si incontrano. Dopo, nessuna sarà più la stessa. Ci sarà chi, vissuta nel passato,  avrà la nuova certezza di una società patriarcale in arrivo. Chi, donna del presente, acquisirà la consapevolezza di un civiltà matrifocale che ormai nessuno racconta più: una realtà  mediterranea preindoeuropea di duemila anni fa che non aveva mura difensive e dove Dio era donna.

 

“Bada-mi” è tratto invece dal testo vincitore del premio Borrello/Etica in atto 2010 per la nuova drammaturgia civile. Un racconto-denuncia sulla condizione delle badanti in Italia. Liberamente  ispirato a quattro storie vere, “Bada-mi” porta in scena il disagio e i ricatti che quotidianamente queste donne sono costrette a fronteggiare. Sul palco quattro donne vivono la loro quotidianità con coraggio ed ironia. Hanno la capacità di ribellarsi e di trovare la forza d’animo di non sottostare a soprusi mentali e fisici, grazie anche all’incontro e alla solidarietà con altre donne. 

 

“Ci chiamano badanti, perché noi badiamo: dentro quel badare c’è un amore che esplode. L’amore che non possiamo dare ai nostri figli e ai nostri genitori lontani lo diamo a voi, quale merce da contrattare”.Così l’autrice Silvia Pietrovanni parla di “Bada-mi” e dei suoi lavori. “Amo il teatro che sa raccontarti una storia. Dopo uno spettacolo di impegno civile ti viene voglia di informarti, di capire, di muoverti, di attivarti. Bada-mi sono le storie delle donne che ho incontrato insegnando italiano a stranieri come volontaria. Le loro vicende umane, soprattutto quelle più difficili, mi seguivano fuori dall'aula e scrivere è stato quasi liberarmi e lasciare che fossero gli attori a continuare a farsi portavoce di quelle sofferenze, intrecciando alla denuncia la poesia”. Due performance in cui Rossella Barrucci, Valentina Conti, Isabella Mariucci, Silvia Pietrovanni sono dirette da Simone Fraschetti. 

Oltre la scena, domenica 19 gennaio verrà anche presentato il reportage sull’universo“badanti” dal titolo “BADAMI – testimonianze video fotografiche del prendersi cura”, realizzato da Mariangela Forcina.

 

 

Rassegna Donne in viaggio   

Teatro Piccolo Re di Roma (Via Trebula, 5) 

AMARGI:  sabato 18 gennaio ore 21.00  

BADA-MI: domenica 19 gennaio ore 17.00

Biglietti intero/ridotto: 10,00 / 7,00 € (ridotto over 65, under 30) 

Cumulativo 2 spettacoli intero/ridotto: 14,00 / 10,00 €

www.anemofilia.it 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]