Domenica, 16 Febbraio 2014 18:28

Festival di Berlino. Orso d’oro per la Cina

Scritto da

BERLINO  È made in China il film vincitore dell’Orso d’oro del Festival di Berlino 2014. Giunta alla 64esima edizione, la manifestazione ha premiato infatti il film “Black coal Thin ice”  del regista cinese Diao Ynan.

Il film, il cui titolo originario era Bai Ri Yan Huo,  è un romanzo nero che racconta la storia del detective Zhang Zili che indaga su un serial killer e scopre che tutte le  vittime avevano avuto un legame sentimentale con una donna di nome Wu Zhizhen. Cinque anni prima era stato proprio lui ad occuparsi del brutale omicidio del marito della stessa donna e decide così di incontrarla, inconsapevole della trappola ben congegnata a cui andrà incontro. Oltre all’Orso d’oro, il film ha vinto anche l’Orso d’argento per il migliore attore, Liao Fan. Anche il premio per il miglior contributo artistico va al cinese Zeng Jian per Blind Massage (Tu Na) di Lou Ye. Insomma la Cina è stata grande protagonista del Festival con un totale di un Orso d’oro e due d’argento.

Orso d’argento Gran Premio della giuria è stato vinto dal film The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson. Meritatissimo l’Orso d’argento per la migliore regia che si è aggiudicato il regista statunitense Richard Linklater . Il suo film “Boyhood”,infatti, molto apprezzato dalla critica e dal pubblico, è stato un progetto innovativo, mai visto prima. Il regista infatti ha cominciato le riprese di questo film nel 2002, il suo obiettivo era quello di raccontare una storia sull’infanzia di un bambino e ciò che avviene in una famiglia, così da quell’anno per alcune settimane Linklater ha radunato la sua troupe e girato delle scene. Il protagonista è Mason che in realtà si chiama Ellar Coltrane, il regista ha ripreso la sua vita dai banchi di scuola delle elementari fino al college. L’Orso d’argento come migliore attrice è stato vinto dalla giapponese Haru Kuroki interprete del film” The Little House” (Chiisai Ouchi) di Yoji Yamada. Orso d’argento per miglior sceneggiatura a Dietrich Brüggemann, Anna Brüggemann per Station of the Cross (Kreuzweg) di Dietrich Brüggemann. Infine Aimer, boire et chanter di Alain Resnais ha vinto l’ Orso d’argento Premio Alfred Bauer.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]