Domenica, 02 Marzo 2014 12:04

Teatro Manzoni. Ho sposato un colonnello. Divertimento sano e goliardico. Recensione

Scritto da

ROMA - Un grande attico che affaccia su San Pietro è il suggestivo scenario di “Ho sposato un colonnello”, una commedia degli equivoci che riecheggia lo stile del maestro francese Feydeau: humour situazionale senza volgarità.

 

Sono in corso i preparativi per due matrimoni nella casa romana di Albert Lamart, delegato della Francia all’Unesco: padre e figlio che hanno deciso di sposarsi lo stesso giorno. “Albert più che una scelta d’amore la definisce “un regolamento di conti tra lui e la sua fidanzata Mafalda, che per venti anni gli è stata vicina accudendo suo figlio Jean-Louis”, dopo la sparizione misteriosa della sua prima moglie Maria Luisa. Un matrimonio di convenienza per il figlio Jean, che sposerà una nobile spagnola per volere del padre, mentre se la intende con la giovane collaboratrice domestica russa.

 

Un gran trambusto interrotto dall’arrivo del colonnello americano Franck J. Harder, un personaggio sui generis, con modi anticonvenzionali e uno smodato interesse per la vita privata di Albert, futuro candidato alla presidenza dell’Unesco. Un atteggiamento che insospettirà il funzionario, che troverà nel militare alcune somiglianze con sua moglie Maria Luisa. Una concatenazione di eventi tragicomici sconvolgerà la famiglia e i progetti in corso. Tante le risate e i qui pro quo, per un divertimento sano e goliardico, adatto a tutta la famiglia.

 

Impeccabile Carlo Alighiero non solo come regista di “Ho sposato un colonnello” di J.J Bricaire e M. Lasaygues, ma anche nei panni del funzionario Unesco: ironico e col savoir faire di un politico consumato. Bravissima Tiziana Foschi nell’interpretare l’ambiguo colonnello italo-americano, con una comicità sottile, frutto di una mimica eccellente. Non da meno, Cinzia Berni nel ruolo della matrona e futura moglie di Albert. 

Un ottimo antidoto contro la noia delle uggiose serate invernali. 

 

 

Ho sposato un colonnello

         (La Berlue)

di J.J Bricaire e M. Lasaygues

 

 

Al Teatro Manzoni

Dal 25 febbraio al 23 marzo

 

Carlo Alighiero Tiziana Foschi Cinzia Berni

 

 

Con la partecipazione di

Angelica Novak e Andrea Carpiceci

 

Libero adattamento e regia di Carlo Alighiero

 

Scene Armando Mancini

 

Musiche Enzo De Rosa

 

Luci Mirco Maria Coletti

 

Abiti da sposa Paola Stramucci

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]