Lunedì, 31 Marzo 2014 14:15

Teatro Parioli. “Una pura formalità”. Da standing ovation. Recensione

Scritto da

ROMA - Libero riadattamento del film “Una pura formalità” di Giuseppe Tornatore, lo spettacolo omonimo diretto da Glauco Mari al Teatro Parioli di Roma serba il pathos e la suspense dell’originale fino all’inedito finale.

Un giallo surreale che contrappone due maestri del teatro italiano Glauco Mauri e Roberto Sturno - da anni spalla a spalla nella compagnia co-fondata– l’uno nei panni dell’anziano ispettore di polizia, l’altro in quelli di Onoff un celebre scrittore “smemorato”.

Onoff viene accusato di aver commesso un delitto nella notte, di cui non ricorda nulla e il commissario, alternando i modi persuasivi a piccole concessioni, tenta di strappargli una confessione. Pathos e disperazione si alternano sulla scena perché: “Gli uomini sono eternamente condannati a dimenticare le cose sgradevoli della loro vita; e più sono sgradevoli e prima si apprestano a dimenticarle”. 

Sulla scena nello sperduto commissariato di provincia, anche altri poliziotti, tra i quali emerge la figura di un neoassunto interpretato da un bravo Giuseppe Nitti, così educato e sensibile “per trovarsi in un posto del genere”, come afferma il romanziere Onoff.

Un viaggio attraverso i ricordi dello scrittore, per recuperarne la memoria perduta e appurare la verità dei fatti: una verità agghiacciante e impensabile. 

Uno spettacolo ben adattato ai ritmi e all’immediatezza del teatro da Glauco Mauri, che non modifica però la struttura originaria del thriller, lasciandone inalterati i colpi di scena. Straordinario Glauco Mauri: perfetto sia come regista che nei panni del commissario “maieutico”. Eccelso Roberto Sturno nell’interpretazione di Onoff, uno scrittore fallito e scorbutico, che cela più di un mistero.

Da standing ovation!

 

Una pura formalità 

dal 27 marzo al 13 aprile a Roma, al Teatro Parioli Peppino De Filippo 

libero adattamento di Glauco Mauri dal film di Giuseppe Tornatore

con Roberto Sturno e Giuseppe Nitti

 

Scene Giuliano Spinelli

Costumi Irene Monti

Musiche Germano Mazzocchetti

Regia Glauco Mauri

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

L'importanza dell'anima

Ho provato a immaginare l’anima

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]