Sabato, 17 Maggio 2014 15:10

Cannes 2014. Il ritorno di Simenon

Scritto da

CANNES - Correva l’anno 1960 e al festival di Cannes  erano in gara i grossi calibri del cinema europeo: Ingmar Bergman, Luis Bunuel,  Michelangelo Antonioni  e  Federico Fellini. 

Vinse, come tutti sanno, La dolce vita.  Presidente della giuria era George Simenon,proprio lui, il più prolifico scrittore francese del Novecento, che per il film di Fellini si era battuto come un leone, imponendolo agli altri. Ne nacque un’amicizia durata negli anni. Lo dimostra un singolare epistolario.  Scrive Simenon a Fellini: ” E’ sempre miracoloso scoprire di avere un fratello”.  Scrive Fellini a Simenon:  ”E’ l’amico più grande che tutti vorrebbero avere, un esempio di talento senza limiti”. 

A cotè del concorso, nella saletta del palazzo del cinema intitolata a Bunuel,  una proiezione mattutina nel week end ha riportato Simenon al Festival  con il film  La chambre bleu, tratto dall’omonimo romanzo dello scrittore francese, con la regia e l’interpretazione di Mathieu Amalric. “Un giallo fra Hitchcock e Truffaut -  ha scritto un critico d’oltralpe - protagonisti un amante ossessivo, implacabile e frustrato, e una donna che si rivelerà fatale e incapace di demordere.”

Chissà se sarebbe piaciuto a Simenon il film che lo rappresenta  oggi, dopo tanti anni,  al festival  dove fu di casa fa come presidente della giuria? Difficile dirlo, anche se lo scrittore di Francia più  letto in  assoluto,  aveva per il cinema un debole inconscio: non sono pochi, infatti, i critici concordi nel dire che i romanzi di Simenon hanno tutti un innegabile impianto cinematografico che ne fanno materiale utilissimo da filmare. Prova ne sia le fortunatissime serie televisive seguite ai film deliberatamente tratti dai suoi romanzi, che hanno fatto la fortuna idi attori come Jean Gabin in Francia e da noi Gino Cervi.

Oltre che al festival, il film esce contemporaneamente nelle sale francesi. Ormai è un meccanismo collaudato: distribuire nei cinematografi  di tutt’Europa i film che stanno andando in concorso  sulla Croisette. Il vantaggio è reciproco: se il film è di forte richiamo, porta lustro al festival che lo voluto in rassegna; nel  caso  contrario è il festival che manda pubblico al film altrimenti  poco noto. Si è visto con il film su Grace di Monaco che ha aperto le proiezioni sulla Croisette e  contemporaneamente  era nei multisala di  tutt’Italia. A chi sarò piaciuto di più, il film affidato agli stupefacenti primi piani di Nicole Kidman- race Kelly? Al sofisticato pubblico del Palais du cinema e agli occhiuti critici internazionali  o alle più ben disposte platee di periferia o di provincia nostrane? Lo sapremo ai primi  riscontri degli incassi.

Peccato non avere subito a disposizione sotto casa anche  il film tratto da Simenon. E’  sicuramente una chicca,  con i personaggi tratteggiati dallo scrittore  secondo i suoi schemi perfetti: l’uomo geloso, la donna intrigante, l’amour fou, la passione travolgente, il finale spesso macchiato di sangue raramente innocente.

Nato a Liegi nel 1903, Georges Simenon  ha  scritto centinaia di romanzi e racconti: il primo,  Il romanzo di una dattilografa, lo scrisse  seduto ai tavolini di un caffè di Parigi e siccome era un perfetto sconosciuto lo firmò con uno pseudonimo. Tanti romanzi , ma anche tantissime donne: Simenon  ebbe una fama di tombeur de femmes al limite del  primato mondiale. Lui stesso indicò in alcune migliaia il numero  delle donne che, inesauribile, sedusse con reciproca soddisfazione. Una vita movimentata, la sua: una fuga negli Stati Uniti per sfuggire ad un’accusa di collaborazionismo nella Francia occupata dai nazisti, il ritorno in Europa negli Anni Cinquanta, la morte a Losanna a 86 anni, con grande rimpianto della sue ultime conquiste femminili.  Le cronache   riferiscono che  anche al Festival di Cannes del 1960  lo scrittore non abbia mancato, nei ritagli di tempo fra una riunione della giuria e una proiezione, di fare  fulminee conquiste femminili, con grande divertimento di Federico Fellini che al racconto delle sue performance rimaneva estasiato. Lui che ufficialmente non ha mai messo un corno all’amata Giulietta. 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: mediasu[email protected]