Martedì, 20 Maggio 2014 21:49

Cannes 2014. Dramma morale e umano di una donna in Deux jours une nuit

Scritto da

CANNES -  Le vittime della crisi hanno ispirato i fratelli Luc e Jeanpierre Dardenne, due Palme d’oro e un Gran Prix della Giuria, che tornano a Cannes ad accompagnare il loro film, in concorso al 67 esimo Festival del Cinema. Deux jours e une nuit è un film umano, coinvolgente, che emoziona, una storia forte e attuale con protagonista  una convincente Marion Cotillard.

Due giorni e una notte racconta la  drammatica storia di Sandra ( Marion Cotillard), che vive nella banlieu di Liegi, si è appena ripresa da  una depressione e si  vede costretta a  lottare per il proprio posto di lavoro appeso a un filo. Al suo fianco il suo compagno di vita, Manu (Fabrizio Rongione) che la sprona con tutte le sue forze a conservare il suo impiego. Durante un difficile wee-kend, dovrà bussare porta a porta e persuadere i  suoi colleghi  a rinunciare a  un premio di produzione di 1000 euro in busta paga, offerto dal proprietario dell’azienda, in cambio del suo posto di lavoro.    Come è nata l’idea di fare il film? 

Luc Dardenne:  Quello che per noi era  importante mostrare la crisi sociale ed economica nella quale l’Europa si trova attualmente. Da anni pensavamo di lavorare attorno a una donna che sta per essere licenziata con l’accordo dei suoi colleghi di lavoro. E deux jours e une nuit è nato quando abbiamo immaginato la coppia di Manu e Sandra uniti , affiatati  nell’avversità. Jeanpierre Dardenn: Ci interessava mostrare qualcuno di escluso, debole che troverà forza e coraggio grazie alla lotta, fatta insieme a suo marito.

Manu, il marito inciterà Sandra a incontrare i colleghi il tempo di un Week-end perché riconsiderino il loro voto e lei possa essere reinserita? Jeanpierre: Manu è un po’ sindacalista, le “coach” di Sandra. Lui la convincerà che esiste una possibilità e che sarà capace di fare cambiare opinione ai suoi colleghi. E’ importante la solidarietà della coppia in momenti così difficili. Luc: Sandra prende il suo coraggio all’interno della coppia. Manu ama profondamente sua moglie, lotta contro la sua depressione e l’aiuta a smettere di avere paura. All’inizio del film Manu crede in Sandra più che lei non creda in se stessa. 

Nel film i colleghi i Sandra hanno votato per una riduzione del personale e un aumento dello stipendio in cambio del suo licenziamento, avete notato un comportamento simile nel mondo del lavoro? Jean-Pierre :Si incontra tutti i giorni nel mondo del lavoro, in Belgio come altrove l’ossessione a un individualismo e a una lotta violenta di uno contro l’altro, gli operai del film sono in una situazione di concorrenza e rivalità permanente e in una classe lavoratrice scomposta in un individualismo e in una lotta tra poveri costretti ad contentarsi delle briciole offerte da propri datori i lavoro. Jeanpierre : possiamo dire che questa donna è cambiata, ha ritrovato la sua dignità, la sua vita,  grazie alla solidarietà.  Nel film gli operai non pensano mai a uno sciopero o una lotta contro la proposta del loro capo?

Jeanpierre: Noi abbiamo appositamente scelto una piccola azienda dove i dipendenti non possono costituire un sindacato.  E’ certo che l’assenza di una reazione collettiva di lotta contro il principio di questo voto, rivela la mancanza di solidarietà di oggi.

A causa della crisi abbiamo perso solidarietà e valori?

Luc Dardenne: La solidarietà va costruita, è un atto morale, come ad es.  negli anni 60 quando gli operai  dovevano dire alla propria moglie che ci sarebbero stati meno soldi in busta paga per aderire al sindacato e lottare. Nel film Sandra non è una donna che ha una tradizione politica, ma decide di lottare e alla fine riacquista la sua dignità e la sua vita.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]