Mercoledì, 24 Settembre 2014 10:46

“La buca”. Tragicomico e grottesco. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Una città fuori dal tempo e due insoliti protagonisti per “La buca” di Daniele Ciprì: Sergio Castellitto, un avvocato truffaldino e Rocco Papaleo, un ex carcerato innocente.

A unire i loro destini, un buffo cagnetto che spingerà l’ex detenuto Armando nel bar di Carmen, proprio sotto casa dell’avvocato Oscar, un misantropo senza scrupoli. “Nella Buca disegno caratteri reali in un mondo immaginario, anticipandolo già dalla sigla cartoon” spiega Ciprì alla stampa. 

Un mondo surreale, ricostruito negli studios di Cinecittà, che rievoca i sobborghi delle cittadine centro italiche. 

Un avvocato, garante dell’illegalità che vive di espedienti: risarcimenti danni, finte pensioni di invalidità, incidenti stradali dolosi.  Non a caso, è proprio una buca sull’asfalto ad attirarne l’attenzione, ideale per simulare sinistri ai danni del comune. Un’occasione davvero ghiotta, se non fosse per l’imperizia dei suoi finti invalidi, troppo pavidi da buttarsi a cuor leggero. A risollevare le grigie sorti dell’azzeccagarbugli Oscar piove dal cielo Armando, un innocente che ha scontato ingiustamente una pena di 30 anni. Una causa milionaria da intentare contro lo Stato: un risarcimento a sei zeri, la molla che lo spingerà a offrirsi in aiuto. A mediare tra la purezza di Armando e la meschinità di Oscar spunta Carmen, una barista tanto bella quanto sensibile, che riuscirà nell’intento di costruire un legame autentico tra loro.  

L’esito è “una grande commedia che racconta iconicamente una tragedia”. “Raccontiamo cose grottesche, paradossali - in un’atmosfera onirica - ma reali, come il tema dell’illegalità in Italia”, precisa Castellitto. Non mancano i riferimenti ai grandi registi del passato – primo tra tutti Billy Wilder  – e alla sua brillante coppia Lennon – Matthau. “Non citazioni, ma evocazioni del cinema”: le definisce Daniele Ciprì. Chiaro, però, l’omaggio a “Frankenstein Junior” di Melbrooks, con l’uso del bianco e nero nello studio del fotografo pazzo. “Il mio è un film in vinile, girato con attori che sanno reinterpretare il vecchio”. 

Pregevole la colonna sonora jazz, con il maestro Bollani che esegue Gershwin. 

La Buca, al cinema dal 25 settembre

di Daniele Ciprì

Cast Artistico

Sergio Castellitto                     Oscar

Rocco Papaleo                         Armando

Valeria Bruni Tedeschi              Carmen

Jacopo Cullin                           Nancho

Ivan Franek                             Tito

La buca - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]