Giovedì, 09 Ottobre 2014 14:55

Teatro Quirino. “Il flauto magico” dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Consigliato da Dazebao. Recensione

Scritto da

ROMA - Arrivato alla sua centocinquantesima replica, “Il flauto magico” dell'Orchestra di Piazza Vittorio arriva al Teatro Quirino di Roma e apre la nuova stagione con sei serate, dal 7 al 12 ottobre. Nato nel 2007, diretto ed elaborato da Mario Tronco e Leandro Piccioni, questo spettacolo divertente e innovativo si ispira all'opera di Mozart, ma la reinterpreta e trasforma con sorprendente naturalezza in una favola musicale.

Come già nella “Carmen”, che ha inaugurato l’ultima stagione della Terme di Caracalla, la partitura originale si alleggerisce e si mescola a reggae, jazz, intrecci ritmici africani e orientali. L’opera diventa una fiaba, di quelle piene di fascino e allegria che si raccontano ai bambini prima di andare a dormire, tramandata attraverso il tempo e attraverso le culture. E come accade ogni volta che una storia viene trasmessa di bocca in bocca, le vicende e i personaggi si sono trasformati, e anche la musica si è allontanata dall’originale, così come l'ambientazione: non un Egitto fantastico, come l’aveva pensato Mozart, ma un luogo immaginario, senza riferimenti geografici reali.
Anche le melodie sono riconoscibili, come la celeberrima aria della Regina della Notte, ma alcune sono solo tratteggiate, senza sviluppo e senza parti virtuosistiche, intrecciate a brani originali dell’Orchestra.

«Il nostro lavoro con la partitura è necessariamente diverso da quello di un’orchestra “normale” – spiega il direttore artistico Mario Tronco -. Dal folk, al reggae alla musica classica al pop e al jazz, la nostra musica è piena di riferimenti alle altre culture. I musicisti dell’OPV hanno background molto distanti, non solo geograficamente. Ogni musicista porta nell’Opera la sua cultura, la sua lingua: arabo, inglese, spagnolo, tedesco, portoghese, wolof, italiano, e gli strumenti della sua tradizione, tablas, oud, djembé, flauti andini, chitarre, archi, ottoni e percussioni».

I ruoli, infatti, sono stati affidati ai musicisti in base ad una somiglianza di carattere o per affinità con certe esperienze vissute: per esempio Tamino è il giovane ed esuberante Ernesto Lopez Maturell, e Pamina è interpretata dalla folk singer anglo-americana Sylvie Lewis, dolce ma determinata.  E (anche per diretta assonanza) Pap Yeri Samb è Papageno, descritto dal direttore Tronco come “una persona semplice e profonda con un carattere molto vicino al personaggio di Mozart”. Non aspettatevi dunque la canonica rappresentazione dell’opera lirica: l’Orchestra è tutta sul palco, non nella buca come nelle opere, e i musicisti diventano personaggi semplicemente indossando in scena il loro costume e guadagnandosi il proscenio, muovendosi tra le sedie e gli strumenti.

L'Orchestra di Piazza Vittorio è riuscita a trasformare “II flauto magico” in un'esperienza musicale sorprendente e ricca di emozioni. La leggerezza e l'allegria di questa rivisitazione, tanto diversa quanto inaspettatamente fedele all'originale, ne fanno un inno carico di gioia di vivere. Che, sicuramente, continuerà a regalare sorrisi e a ricevere applausi nel suo tour in giro per l’Italia, a fine mese a Bari, poi a Napoli, Genova e Milano.

«Ogni volta pensiamo che il percorso del Flauto Magico sia giunto al termine – ha detto ancora Mario Tronco -. Poi succede sempre qualcosa che ci dimostra come probabilmente il cammino dell’Orchestra di Piazza Vittorio con questo spettacolo sia ancora molto lungo» . 

IL FLAUTO MAGICO SECONDO L’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO

ispirato all'opera in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart

direzione artistica e musicale Mario Tronco

elaborazione musicale Mario Tronco e Leandro Piccioni

acquarelli, animazione e scene Lino Fiorito

disegno luci Pasquale Mari

costumi Ortensia De Francesco

direttore tecnico e datore luci Daniele Davino

fonico di sala Gianni Istroni

fonico di palco Massimo Cugini backliner Juan Ortiz

proiezionista Daniele Spanò

costumista Katia Marcanio

tour manager Federica Soranzio

produzione esecutiva Pino Pecorelli per Vagabundos s.r.l

PERSONAGGI E INTERPRETI

Houcine Ataa (Tunisia) voce - Monostatos

Peppe D’Argenzio (Italia) sax baritono e soprano, clarinetti

Omar Lopez Valle (Cuba) tromba, flicorno - Narratore Awalys

Ernesto Lopez Maturell (Cuba) batteria, congas - Tamino

Zsuzsanna Krasznai (Ungheria) violoncello - Dama

Luca Bagagli (Italia) violino - Dama

Gaia Orsoni (Italia) viola - Dama

Carlos Paz Duque (Ecuador) voce, flauti andini – Sarastro

Sanjay Kansa Banik (India) tablas - voce

Pino Pecorelli (Italia) contrabbasso, basso elettrico – Ragazzo

Leandro Piccioni (Italia) pianoforte

Raul Scebba (Argentina) marimba, percussioni, timpani - Sacerdote

El Hadji Yeri Samb (Senegal) voce, djembe, dumdum, sabar - Papageno

Dialy Mady Sissoko (Senegal) voce, kora - Ragazzo

Ziad Trabelsi (Tunisia) oud, voce – Messaggero della Regina della Notte

Emanuele Bultrini (Italia) chitarre– Ragazzo

Fabrizio Savone (Italia) trombone, euphonium – canto

Luca Ginesti (Italia) corno

e i musicisti ospiti

Maria Laura Martorana (Italia) voce - Regina della Notte

Sylvie Lewis (Inghilterra) voce, chitarra - Pamina

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]