Martedì, 14 Ottobre 2014 22:05

“Piccole crepe, grossi guai”. Un condominio di ordinaria follia. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - La follia, questo è il tema che il regista, Pierre Salvadori, vuole, e riesce, a sviluppare nel suo film. Cosa si cela dietro all' apparente calma di un condominio? Quali sono le paranoie, le paure e le inquietudini dei diversi inquilini di uno stabile?

Lo spettatore viene guidato, attraverso la figura del portiere, alla scoperta di questo microcosmo. Antoine è un ex musicista, in piena crisi. Ha superato i quarant’anni e si ritrova a scappare dalla sua vita. Dopo giorni di vagabondaggio, trova lavoro come portiere in uno stabile della Parigi est. Di fronte a lui si apre un mondo. Il suo ruolo non è solo quello di pulire le scale e smistare la posta, egli diventa un punto cardine della vita dei diversi abitanti di quel piccolo mondo. Tutti hanno bisogno di qualcosa, ed Antoine, taciturno e spesso impacciato, è lì, pronto ad aiutare, come può, chiunque ne abbia bisogno. E' un uomo sensibile, comprensivo, altruista. Le sue doti non passano inosservate a Mathilde, proprietaria dell' appartamento al quinto piano. Ella sa di poter contare su Antoine, nel momento in cui scopre che egli è l' unico a vedere in una sua paranoia – vale a dire una crepa in salotto -  una preoccupazione tangibile.

Mentre Serge, il marito di Mathilde, minimizza e fa coprire la crepa,  Antoine le dà suggerimenti per indagare sull' origine di quella ferita, che non ha solamente scalfito l' intonaco della sua casa, ma la sua stessa psiche. Quello che Serge non comprende è che la crepa, per quanto ai suoi occhi possa sembrare insignificante, per Mathilde è un campanello d' allarme: e se il loro palazzo fosse pericolante e crollasse? Antoine è il pilastro, Mathilde il palazzo che sta crollando. Il sodalizio tra i due appare perfetto. Nella follia, a volte, si trovano cose concrete, come un' amicizia fatta anche di silenzi, imbarazzi e incomprensioni.

La delicatezza di questo film, la sua comicità, è propria del cinema francese, mai teso alla risata strappata con forza, ma alla semplicità di ciò che tutti osserviamo nella vita reale, troppo spesso, purtroppo, senza vederla veramente. Pierre Salvadori crea un ritratto realistico di un condominio, un pò pazzo, ma attinente con la follia moderna, dove tutti tentiamo di delegare i nostri problemi, pur di non doverli affrontare in prima persona. Chaterine Deneuve (Mathilde) è ambivalente, perfetta, incredibilmente bella in un autunno dai colori chiari. Gustave Kervern (Antoine) spiazza con la sua espressione dolce, il suo modo goffo di porsi ed il suo essere, involontariamente, un moderno angelo custode.

In uscita nelle sale dal 16 Ottobre.

Durata 94'

CAST ARTISTICO:

Mathilde: Chaterine Deneuve 

Antoine: Gustave Kervern 

Serge: Fèodor Atkine

Stèphane: Pio Marmai

Colette: Michéle Moretti

M. Maillard: Nicolas Bouchaud

Lev: Oleg Kupchik

M.Bigo: Bruno Netter

CAST TECNICO:

Sceneggiatura: Pierre Salvadori e David Colombo-Léotard

Produttore: Philippe Martin

Scenografie: Michel Bathélémy

Scenografie: Virginie Montel

Montaggio: Isabelle Devinck

Casting: Alain Charbit

Musiche originali: Stephin Merritt et Grégoire Hetzel

Una produzione: Les Films Pelléas

In coproduzione con: France 2 cinéma, Delta Cinéma, Tovo Films

Con la partecipazione di CANAL+, Ciné+, France Tèlèvisions

Con il sostegno del Programma dell' Unione Europea

Piccole crepe, grossi guai - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Scoprire emozioni

Vivo nel pensiero un viaggio immaginario mi porta a scoprire il mondo. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

C’è sempre un Simenon in libreria

C’è sempre un Simenon in libreria

Vai dal tuo libraio e ti senti chiedere: “Hai visto il nuovo Simenon?”  e ti mette in mano La fattoria del coupe de vague, un Simenon d’annata che Adelphi pubblica...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

“Reimagine”, breve film sull’importanza vitale della ricerca scientifica

L’emergenza Covid ha reso ancor più evidente di quanto non fosse sempre stato l’importanza della ricerca farmaceutica. Novartis, impegnata a scoprire nuovi farmaci è tra le prime aziende al mondo...

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]