Venerdì, 28 Novembre 2014 14:42

Nove metri quadri. Intervista agli storytellers di “Mio papà”

Scritto da

 

ROMA - Nove Metri Quadri è la firma che si legge sotto la sceneggiatura di “Mio papà”. Nove metri quadri storyteller:  é esattamente lo spazio in cui quattro dei narratori più prolifici e creativi del cinema e della televisione italiana, lavorano ai loro progetti. A volte tutti  insieme, a volte da solisti: esattamente come fa un gruppo musicale legato da tempo e in completa sintonia.

Paolo Logli, Alessandro Pondi, Mauro Graiani e Riccardo Irrera, in squadra hanno firmato la  sceneggiatura di Mio Papà di Giulio Base con Giorgio Pasotti, Donatella Finocchiaro e il piccolo Niccolò Calvagna, una commedia sentimentale toccante e sincera che racconta l’amore di un uomo e di un bambino che scelgono di diventare padre e figlio e di volersi bene come tali, pur non avendo nessun legame di sangue.

Alessandro Pondi: La storia parte da un idea di Giorgio Pasotti e nasce dalla sua esperienza personale di padre di figli non suoi, che però sono cresciuti come tali, e di tutte quelle mancanze di diritti, di riconoscimento di un amore e di un affetto che deriva da situazioni non riconosciute né legalmente, né socialmente. Il nostro lavoro è stato quello di translitterare la storia personale facendola diventare una sceneggiatura. 

D. L’arrivo di Giulio Base cosa ha portato in più alla storia?

Alessandro Pondi: Il progetto è stato fermo due anni fino a quando Giorgio Pasotti ha incontrato Giulio Base per caso su un treno e gli ha parlato della sceneggiatura. Giulio si è’innamorato del film, anche perché vive una situazione analoga a quella di Giorgio, e decide di dirigerlo. Il suo primo contributo alla sceneggiatura è stata l’idea di cambiare il finale in modo più radicale rispetto a quello che noi avevamo previsto. 

Paolo Logli: Un'altra intuizione di Giulio è stata quella di aver voluto descrivere la figura del padre naturale con contorni sfumati, senza dargli volto e voce.  

D. Perché avete deciso di far diventare Lorenzo un palombaro che vive su una piattaforma?

Paolo Logli: Volevamo un uomo che doveva fare i conti con qualcosa che gli era completamente estraneo, il ruolo di padre e il ruolo di compagno. Lorenzo passa il suo tempo sulla terra ferma fra discoteche e bowling, con una serie di incontri femminili che non lasciano traccia .

Alessandro Pondi: L’idea di farlo lavorare in un isola di acciaio  era per non dargli una casa , ma solo una branda insieme a venti persone, con niente di personale intorno. Cosa che accade davvero nella realtà. Io sono di Ravenna e ho tanti amici che lavorano su queste piattaforme, ma non sono durati tanto, perché è una vita che ti costringe  a non avere una progettualità, esattamente come succede al nostro protagonista.  

D. L’idea, molto originale e bella, sarebbe che si può scegliere di diventare Padre e figlio.

Riccardo Irrera: Certo, in fondo la paternità cos’è? E’ una persona che ti prende per mano e ti conduce in un percorso di maturazione che può essere anche uno scambio, infatti il personaggio di Giorgio Pasotti cresce attraverso il rapporto con il bambino. 

D. Come si riesce a scrivere a quattro mani o addirittura ad otto ?

Alessandro Pondi: Certo, la fase più importante è quella creativa. Ci sediamo intorno ad un tavolo ognuno con la sua personalità e il suo temperamento e buttiamo fuori idee, e pensieri. 

Paolo Logli: E’ una questione anche di affinità e di temi. Per esempio io più spesso lavoro con Alessandro, Riccardo con Mauro ( Graiani) mentre il film adesso in lavorazione con Luca Argentero, Poli Opposti, è scritto da tutti e quattro. 

D. Il mestiere di autore e sceneggiatore in Europa è in America è uno dei mestieri più importanti del cinema e della televisione, in Italia questo non avviene più…

Paolo Logli: In Italia il mestiere di autore è considerato di serie B, in America lo sceneggiatore è sul set, non si cambia una parola senza il suo permesso, qui ti possono montare sopra, non invitarti alle conferenze stampa del tuo film, cambiarti scene e dialoghi senza neanche dirtelo.

Alessandro Pondi: pensa che una volta un produttore che aveva due raccomandate e un solo personaggio femminile, ha diviso il personaggio in due senza neanche dircelo, ce ne siamo accorti quando siamo andati a vedere il film. 

 

 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]