Giovedì, 28 Aprile 2011 17:44

Venezia 68. Il regista di “Black Swan” , presiede la Giuria della mostra cinematografica

Scritto da

VENEZIA  - L’abbiamo molto amato per Black Swan, bellissimo noir che coniuga melodramma,  erotismo, classe e originalità: dunque che Darren Aronosfky presieda la Giuria Internazionale  della 68ma Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia (31 agosto-10 settembre 2011), non è notizia che lasci indifferente il grande pubblico.


Regista statunitense, affascinato dai meandri misteriosi della mente,  ha iniziato la carriera con film provocatori. Al fantasy ha in seguito preferito il duro realismo di The Wrestler, portandosi a casa il Leone d'Oro di Venezia 65. L’ audacia formale e la visceralità del film lo hanno reso riferimento di punta per i filmmaker emergenti.


Black Swan, al suo debutto in USA è stato record d’incassi, ha ottenuto 5 nomination agli Oscar 2010, 4 nomination ai Golden Globes,  premiato con l’Independent Spirit Award (Oscar del cinema indipendente) quale miglior film e miglior regia. La magnifica interpretazione di Natalie Portman - che aveva già commosso il pubblico veneziano aprendo la mostra di Venezia dello scorso anno - fu esaltata dalla critica italiana e internazionale. Oscar per la migliore attrice protagonista,  Golden Globe e BAFTA (l’Oscar britannico), Independent Spirit Award,  Screen Actors Guild Award e i premi delle principali associazioni dei critici. Aronosfky vale la pubblicità che ha avuto.
Spirito d'artista, Aronofsky giovanissimo rivela doti di visionario nel campo dei graffiti. Dopo il diploma, viaggia e  si iscrive alla Harvard University. La tesi di laurea, il cortometraggio Supermarket Sweep (1991) con Sean Gullette, risulta finalista alla National Student Academy Award.


Qualche anno dopo si dedica a  Pi – Il teorema del delirio (1997), storia di un genio matematico che in una stnzetta di Chinatown, tra calcoli e computer, trova modo di  spiegare le leggi del comportamento umano attraverso i numeri. Il film prende parte anche al Sundance Film Festival, dove viene accolto favorevolmente sia dal pubblico che dalla critica.
Il successivo Requiem for a Dream (2000), amplifica in modo allucinato una realtà degradata, dove comandano cattiveria e apatia. Tratto dal romanzo di Hubert Selby Jr, il film è di forte impatto, ha un ritmo incalzante,  montaggio convulso,  cerca di trasmettere le allucinazioni dovute all’so della droga.
Finche arriva il successo internazionale di The Wrestler e del Cigno nero .

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]