Giovedì, 05 Maggio 2011 12:10

Tatanka scatenato: in uscita nelle sale cinematografiche italiane. La recensione

Scritto da

Tratto da un racconto di Roberto Saviano, il film racconta la storia del pugile Clemente Russo trionfatore ai Giochi Olimpici del 2008


ROMA - Può una persona sola, abbandonata a se stessa, attraverso l’uso della forza e della volontà, tirarsi fuori dalla sua condizione di miseria e raggiungere traguardi inimmaginabili? Sì, se a guidarla non è la cieca violenza o il rancore verso una società feroce e indifferente, ma la saggezza, la presa di coscienza di sé e dei propri mezzi, l’amore, il desiderio di inseguire valori più alti. Questo è quanto racconta il film Tatanka del regista cosentino Giuseppe Gagliardi (classe 1977) che sarà nelle nostre sale dal 6 di maggio (a cura della società di distribuzione Bolero Film) e che già sta riscuotendo un concreto interesse da parte degli addetti ai lavori. La pellicola illustra in modo asciutto e senza scadere nel retorico la storia di Michele (Clemente Russo, al suo esordio cinematografico) che, grazie alla boxe, riesce a riscattarsi dal proprio ambiente e, senza scivolare nell’abisso della camorra del casertano, mantiene intatta la propria dignità e la propria libertà.

 

Tratto da un articolo sull’Espresso scritto da Roberto Saviano nel 2008 durante i Giochi Olimpici e poi ripubblicato nel suo secondo libro di successo “La bellezza e l’inferno”, il film scorre via rapido e incisivo, descrivendoci la vita, i dolori e le vittorie del pugile che viene soprannominato dal pubblico e dagli sportivi “Tatanka” perché durante il combattimento ricorda il bisonte che carica a testa bassa i propri avversari. Grazie a questa sua incredibile determinazione e coraggio, Clemente Russo ha vinto diverse medaglie tra cui il campionato del mondo dilettanti, cinque titoli italiani, i mondiali militari, la medaglia d’oro ai Giochi del Mediteranneo e la medaglia di argento alle Olimpiadi di Pechino. E il film è un omaggio a questo trionfo dell’uomo contro tutte le avversità e contro un destino che lo voleva perduto tra le spire della malavita napoletana. Prodotto grazie al contributo del Ministero dei Beni Culturali che per questa pellicola ha stanziato 1.400.000,00 euro, il film è stato girato in diverse località tra Italia, Germania e Turchia.

 

In Italia in particolare le riprese sono avvenute in Campania, nelle città di Caserta, Bacoli, Cancello, Castel Volturno, Maddaloni, Marcianise e Santa Maria Capua Vetere, sottolineando l’estremo realismo della regia di Giuseppe Gagliardi che ci ha voluto restituire l’ambiente e la situazione entro cui si è mosso e cresciuto il pugile Clemente Russo. Nel cast del film oltre Clemente Russo, ricordiamo l’ottima prova di Giorgio Colangeli, Carmine Recano, Rade Serbedzija, Susanne Wolff, Alexander Yassin, Linda Chang. La sceneggiatura è stata curata da Maurizio Braucci, Giuseppe Gagliardi, Massimo Gaudioso, Salvatore Sansone e Stefano Sardo. Le musiche sono di Peppe Voltarelli, già autore della colonna sonora del precedente film di Gagliardi  “la vera leggenda di Tony Vilar”. Dopo la sua partecipazione al film, Clemente Russo, atleta appartenente al Gruppo Sportivo Fiamme Oro, è stato sospeso per un periodo di sei mesi dalla Polizia di Stato. Secondo Il Mattino che ha pubblicato la notizia, il provvedimento è stato firmato dal capo della polizia Manganelli perché Russo non avrebbe fatto togliere alcune scene esplicite che possono danneggiare l'immagine della Polizia come richiesto dai superiori. Inoltre il pugile ha concesso un servizio fotografico al “Settimanale Chi” con immagini senza veli senza aver chiesto un’autorizzazione al corpo di polizia. Il corpo di Polizia ha smentito il tutto, sostenendo che la sospensione di Russo deriva dalla mancanza di autorizzazione e dei permessi necessari per partecipare al film. Un bel problema per il pugile e per la Federazione italiana boxe che rischia di mettere a dura prova il difficile cammino di qualificazione alle Olimpiadi di Londra 2012.


Trailer


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]