Giovedì, 23 Aprile 2015 11:29

Teatro Lo Spazio. “Labirinto, percorso nelle passioni”: dedalo in cui lo spettatore è attivo. Recensione

Scritto da

ROMA - La compagnia “L’ombelicolo” propone, presso il teatro Lo Spazio di Roma, un interessante spettacoloscritto e diretto da Frediano Properzi e da Michela Francescangeli.

Lo spettatore è invitato ad entrare in uno spazio scenico che è sezionato dalle quinte fino a formare un percorso. Addentrandosi nella scenografia si incontrano i diversi attori, ciascuno dei quali recita un appassionato monologo. 

Conosciamo dunque una serie di personaggi animati da un grande ardore, segnati in maniera indelebile da profondi drammi esistenziali, eppur ancora vivi e vitali. Entriamo in contatto con un uomo cresciuto in un orfanotrofio lontano dal calore umano, con  una donna vittima di ripetute violenze, con una ragazza che ha spostato sul peso corporeo ogni investimento affettivo, con un cantautore alla ricerca della parola giusta, con uno scrittore in attesa dell’ ispirazione illuminante… e via discorrendo. La lista è  lunga, non si fa in tempo una sola sera ad assaporare ogni storia. Lo spettatore ha un ruolo attivo: si muove, va incontro ai diversi personaggi, dà loro vita. Come un novello Dante, raccoglie testimonianze sofferte in un cammino fra i gironi infernali dell’esistenza. Nei racconti accorati “vuoto” è una parola ricorrente. Un vuoto che talvolta appare particolarmente buio e profondo, un buco nero che pare aver divorato ogni possibilità di rapporto reale e costruttivo con la realtà esterna. L’atmosfera cupa, sospesa, favorisce inizialmente questa interpretazione tetra e parziale del testo. Luci tenui illuminano anime chiuse in prigioni invisibili che tuttavia alla fine trovano la forza d’uscire dal proprio guscio per trovare la redenzione finale in una comunione liberatoria di corpi e voci. Durante lo spettacolo, la vicinanza fisica con gli attori determina un particolare tipo di coinvolgimento, che varia anche in base alla specifica sensibilità di ciascuno. Alcune storie, lontane dalla propria esperienza, lasciano indifferenti, altre si rivivono attraverso brividi sulla pelle. Si vorrebbe dialogare con questi uomini, conoscere di più delle loro esperienze. Il testo di  Frediano Properzi e Michela Francescangeli incuriosisce e stimola. Forse si poteva osare di più, rendere il tratto più intenso, incidere, urlare quanto è sussurrato.  Le riflessioni personali che nascono dalla visione dello spettacolo possono essere le più disparate. Sono doni che quest’ opera in particolare ed il teatro più in generale ci fanno sempre. Da parte nostra abbiamo pensato che ogni ossessione cresce in maniera tumorale a partire da una passione ed ogni passione contiene una componente ossessiva. Eppure, sembra suggerire l’opera, è camminando lungo questo labile confine fra passione e ossessione che la vita diviene intensa e si trasforma in una storia degna d’essere vissuta, raccontata ed ascoltata. Al teatro Lo Spazio, fino al 3 maggio.

Uno spettacolo di: Frediano Properzi e Michela Francescangeli

Con:  Agnese Galeffi, Arianna Barberi, Cristiano Gneo, Daniele Da Corsi, Giorgia Coppi, Luca Masi, Marco De Bella, Martina Massa, Michela Prinzivalli, Tonino Sechi De Murtas, Pierluigi Licenziato

In scena al Teatro Lo Spazio, via Locri 42, 44 - Roma

Date: dal 21 aprile al 3 maggio

Orari: Da Martedì a Venerdì alle ore 21:00, Domenica ore 18:00

Info e prenotazioni: 0677076486 -0677204149

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]