Lunedì, 04 Maggio 2015 20:10

Leviathan. Il meccanismo inesorabile della legge. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA  - Dato che in natura l’uomo persegue soltanto il proprio tornaconto, per passare allo stato civile, ogni bene e diritto andrebbe trasferito al monarca assoluto, il Leviatano.

Il regista Andrey Zvyagintsev sottolinea le affinità dei dogmi contenuti nel trattato seicentesco di Thomas Hobbes con il sistema burocratico della Russia odierna. Infatti già dall’incipit di “Leviathan” è chiaro come l’autorità deliberi inoppugnabilmente, attraverso pedanti rituali legislativi, la sorte dei comuni cittadini. Così come il potere di Stato e Chiesa (in questo caso con accezione più che mai negativa) convergano.

La casa in cui Kolia (Aleksey Serebryakov) vive con la moglie Lilya (Elena Lyadova) e il figlio Roman (Sergey Pokhodaev) è nelle mire del sindaco Vadim Shelevyat (Roman Madyanov) che intende abbatterla a scopo di lucro. Da Mosca arriva, per smascherare il gioco della malavita locale, l’influente avvocato Dimitri (Vladimir Vdovichenkov), amico ed ex compagno d’armi di Kolia. 

Il regista si sofferma, seppur con la mediazione della metafora (vedi la scena dei rappresentanti del poter legislativo, esecutivo e giudiziario insieme al sindaco corrotto), sulla collusione a tutto tondo che annienta il singolo. Il meccanismo complesso e inesorabile della legge è ignaro al protagonista che, nonostante le risorse di cui disponga, non può che fallire, consapevole della propria alienazione. Punito da un sordido giudice, Kolia subisce un “processo kafkiano” ugualmente claustrofobico anche se privato dei polverosi spazi interni e trasferito nell’imponenza delle coste del Nord.  

Girato nella penisola di Kola tra relitti di imbarcazioni e scheletri di balene, “Leviathan” è lo specchio di un’umanità alla deriva restituita dalla fotografia didascalica di Mikhail Krichman in cui “vastità” diventa sinonimo di “prigione”. 

Zvyagintsev, come nei precedenti lungometraggi, conserva l’intensità propria della parabola ma sostituisce l’eccessiva severità con un’irriverente ironia riflessa sui ritratti dei vecchi presidenti russi, utilizzati come bersagli di tiro, mentre Putin ha ancora tempo per stazionare sui muri. Incisiva la soluzione narrativa di omettere la visione di scene determinanti che lo spettatore può solo presumere in base ai contraccolpi mostrati nelle sequenze successive. 

L’ingiustizia terrena cammina accanto a quella divina con evidente richiamo anche alle Sacre Scritture dove il Leviatano è un potente mostro marino e Giobbe è il giusto che viene privato dei beni materiali, della famiglia e infine della sua stessa libertà.  

Spogliata da qualsiasi forma di riscatto e di speranza, la regia ricostruisce, con progressiva violenza e delusione, la vittoria dell’ipocrisia dello stato e della fede ortodossa.  

Una meticolosa e a tratti esasperata cura del simbolismo nella rappresentazione, crea quell’atmosfera minacciosa e asfissiante che racchiude l’essenza di un Paese immerso nella vodka e nell’immoralità.

Titolo originale: Leviathan

 

Regia: Andrey Zvyagintsev

Genere: Drammatico

Paese: Russia 2014

Durata: 140’

Produzione: Non-Stop Production

Distribuzione: Academy Two

Cast: Aleksey Serebryakov, Elena Lyadova, Vladimir Vdovichenkov, Roman Madyanov, Sergey Pokhodaev, Anna Ukolova, Aleksey Rozin,  Kristina Pakarina, Alim Bidnenko, Aleksey Pavlov, Lesya Kudryashova

Leviathan - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]