Venerdì, 29 Maggio 2015 14:10

Film. Pitza e datteri, ironia tagliente all'italiana

Scritto da

ROMA - Pitza e datteri il nuovo film di Fariborz Kamkari, è una sorpresa piacevole, che diverte con una ironia tagliente nella più alta tradizione della commedia all’italiana, demolendo tutti quei pregiudizi e stereotipi secondo cui il  mondo mussulmano non è capace di ironizzare su se stesso.

Il film ambientato a Venezia  racconta la storia di una piccola comunità mussulmana in cui spicca Bepi,  un aristocratico sotto sfratto convertito all’Islam interpretato da uno splendido Giuseppe Battiston, che viene privata della sua moschea  da una colorata e avvenente parrucchiera , Zara( Maud Buquet), che ne fa un salone di bellezza. Al presidente Karim ( Hassan Shapi) e alla sua sparuta comunità viene così in mente di chiamare in soccorso un giovanissimo Imam ( Mehdi Meskar) per aiutarli a riconquistare il loro luogo di culto. 

Fra colpi di scena, tentativi goffi di risoluzione estremi, fughe su e giù per le calli, scontri ed equivoci esilaranti, l’aiuto arriverà proprio da chi non ci si aspetta.  Un film pieno di trovate, di bravi attori, giusti, divertenti, credibili, di idee originali, di stupore, di donne, di libertà e  di bella musica, quella incredibile composta da Ziad Trabelsi dell’Orchestra di Piazza Vittorio.

Con questo film ho voluto dimostrare, racconta Fariborz Kamkari, di origine curda nato in Iran e residente in Italia, che esiste una cultura laica mussulmana , capace di fare ironia. E’ ho voluto trattare questi temi, questo confronto così delicato con la leggerezza tipica della commedia. Il film è anche molto coraggioso secondo me, perché anche se con i toni della commedia, Kamkari, non va certo con la mano leggera nel prendere in giro entrambe le culture sia quella europea che mussulmana. Kamkari poi fa incontrare questi due mondi che non sono solo quello orientale ed europeo, ma anche quello del Nord e del Sud, degli uomini e delle donne e così via, attraverso il cibo, la musica, la religione, i sentimenti,  la cultura, le parole, un incontro che trasformerà  tutti i personaggi, dal giovane Imam Saladino, alla bella parrucchiera Zara. Un film che arricchisce la commedia italiana di nuovi spunti, afferma Mehdi Meskar, nato in Italia, da qualche anno in Francia, con cui sono pienamente d’accordo.  E come dice Saladino nel film: Vola con gli occhi, cammina con la mente e parla con il cuore, esattamente come Pitza e Datteri. 

Ptza e Datteri di Feriborz Kamkari con Giuseppe Battiston, Maud Bouquet, Mehdi Meskar , Hassani Shapi.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]