Venerdì, 12 Giugno 2015 20:39

“Jurassic World”. Preistorica routine. Recensione. Trailer

Scritto da

Primo episodio di quella che diventerà una nuova trilogia

ROMA - Nel prologo un uovo dà vita a una creatura repellente, ma tutto è relativo: “per un canarino il gatto è un mostro”. I dinosauri possono essere animali spaventosi ed inquietanti oppure fenomenali attrazioni turistiche. E’ l’idea alla base del Jurassic World, gigantesco parco tematico che, a due decenni di distanza, rappresenta la realizzazione del vecchio sogno di John Hammond. Come al solito le forze della natura (e dell’ingegneria genetica) sfuggono all‘ illusione umana di controllo. La nuova attrazione del parco, ibrido sintetico di differenti dinosauri, fugge dal recinto e fa strage di persone. Per fermare la furia di questo assetato essere, le forze umane paiono non bastare…

Il film di Colin Trevorrow cattura l'occhio e l'attenzione per tutta la durata, eppure non soddisfa. Non è semplice né immediato individuare la causa della sensazione che si prova a fine proiezione. "Niente di eccezionale", vien da affermare. Eppure nulla si può eccepire agli aspetti "tecnici" del film, agli ottimi effetti speciali dell’ Industrial Light & Magic, alla fotografia firmata da John Schwartzman. Il sonoro é curatissimo. Inaspettatamente funzionano anche i personaggi, stereotipati ma efficaci e ben interpretati. Chris Pratt è l'avventuriero che parla con gli animali, il miglior amico dei velociraptor. Bryce Dallas Howard é una donna rigida e fredda, che di fronte all' estremo pericolo riscopre grinta e sentimenti. Ci sono poi i due ragazzi, intorno a cui ruota la storia. Il più grande é un adolescente spericolato, il fratellino é un bambino timoroso. Immancabili lo scienziato amorale e il cattivo che pensa solo al potere. Insomma ce n'è per tutti i gusti. Purtroppo la somma fa il totale solo in matematica. Basta una nota stonata per rovinare una melodia, basta l’assenza di sale per rendere poco gustosa una pietanza. Qui le debolezze sono almeno due. In primo luogo il film toppa proprio sul principale antagonista. L' ”Indominus rex”, sorta di ibrido fra tirannosauro e velociraptor, dotato di poteri eccezionali, é totalmente privo del fascino ancestrale dei dinosauri classici. Vedere l’uomo trasformato da cacciatore in preda evocava scenari primitivi insondabili e inquietanti. Se il cacciatore è però un miscuglio senza senso, equiparabile all'inutile incrocio fra “alien” e “predator” di un trascurabile film, l’incanto scompare. Inoltre lo sviluppo della vicenda è lineare, semplice, banale, privo di sorprese. Si può restare affascinati dalle immagini, ma il film offre emozioni tiepide. Regala un brivido soltanto nel breve periodo durante il quale i velociraptor smettono di scimmiottare i cani da caccia e ritornano ad essere spietati cacciatori d’ uomini. Il resto è preistorica routine.

 REGIA: Colin Trevorrow

ATTORI: Chris Pratt, Bryce Dallas Howard, Vincent D’ Onofrio, Nick Robinson, Ty Simpkins, Omar Sy

SCEGGIATURA: Colin Trevorrow, Derek Connolly

FOTOGRAFIA: John Schwartzman

 PRODUZIONE: USA

GENERE: Avventura/ Fantascienza

DURATA: 124 minuti

USCITA NELLA SALE: 11 Giugno

Jurassic World - trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Voglia di tenerezza

Ormai notte l’oscurità riempiva la casa come un liquido denso.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]