Venerdì, 09 Ottobre 2015 11:08

Dheepan. Palma d’oro a Cannnes. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Con una doppia apertura, la visuale maschile e femminile della guerra, lo spettatore conosce la tragedia di una guerra che disumanizza, tanto da rendere anche i sentimenti più elementari, sterili.

Mentre Dheepan brucia, sulla pira mortuaria dei suoi soldati, la sua uniforme ed indossa abiti da civile, senza guardarsi indietro. Yalini, invece, è alla spasmodica ricerca di qualcuno, di non ben definito, fino a quando non la vediamo trascinare una, piangente, bambina nella tenda dove si trova un funzionario e un silente Dheepan. Dheepan vuole sfuggire dall’ orrore della guerra, che ormai lacera il suo paese natio, lo Sri Lanka, ma per farlo deve fingersi un padre di famiglia, con moglie, Yalini, e figlia finte a seguito, così da poter abbandonare il paese e cercare una nuova patria.

Arrivati in Francia, la bambina cerca di integrarsi, imparando il francese, mentre i due adulti vivono nel loro mondo, nella loro lingua natale. Guardiano tutto fare, lui, di un complesso di palazzi della banlieu francese, e badante, lei, di un uomo invalido, per un attentato alla sua vita, i due si trovano invischiati in un micro mondo di criminalità a e droga. Rivivendo, così, il loro passato, solo che questa volta, oltre a non avere le armi, Dheepan, non capisce neanche coloro che lo minacciano: il gap linguistico è un ostacolo insormontabile.Mentre nessuno dei due, sembra, volersi prendere la responsabilità della piccola Illayaal, Yalini progetta di raggiungere la cugina in Inghilterra, nazione felice ai suoi occhi, dove poter avere un futuro felice, e dimenticare il suo passato, che non conosceremo mai.

Dheepan intanto sogna la pace, che si materializza, nelle sue fantasia oniriche, come un docile e mansueto elefante, che compare tra il fogliame di una foresta. In una simile spirale di falsità, dentro e fuori casa, circondati da tanta paura, e con cicatrici non solo fisiche, me anche emotive, i due protagonisti trovano un modo di comunicare, nel silenzio dei loro corpi. Le parole sarebbero inutili, in un mondo estraneo, di cui ne conoscono poche.

L’ happy ending, preceduto da scene tanto cruente , sembra fuori luogo.

Dheepan non è l’ eroe moderno, è il sopravvissuto, quello che fa qualsiasi cosa pur di non morire, che conosce tanto bene la morte, da sapere quanto vale la vita. E per questa lotta, senza arrendersi.

Vincitore della Palma d’ oro a Cannes.

In uscita dal 22 Ottobre 2015

Durata: 114

CAST ARTISTICO:

Dheepan: Antonythasan Jesuthasan

Yalini: Kalieaswari Srinivasan

Illayaal: Claudine Vinasithamby

Brahim: Vincent Rottiers

Youssouf: Marc Zinga

 Regia di Jacques Audiard

Dheepan  - Trailer

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]