Venerdì, 06 Novembre 2015 12:55

Teatro Quirino. L’universalità de “Il giardino dei ciliegi”. Recensione

Scritto da

ROMA – “Il giardino dei ciliegi”, tragicommedia di Anton Cechov, narra di un'aristocratica russa (interpretata dalla brava Gaia Aprea) che, tornata dalla Francia nella sua proprietà, comprendente un grande giardino dei ciliegi, per riuscire a pagare i debiti dovrebbe mettere all’asta i suoi possedimenti, cosa alla quale inizialmente si oppongono lei e famiglia. Tuttavia, nonostante il dolore della perdita, gli sforzi per mantenere la tenuta, intrapresi dal fatuo e nobile casato, si rivelano inconcludenti e non faranno altro che passare il testimone a un ricco commerciante (l’altrettanto bravo Claudio di Palma) figlio di contadini al servizio in quella casa. 

La riduzione andata in scena al teatro Quirino si apre su un’ambientazione bianca. Luca De Fusco, il regista, spiega così la scenografia: “Il biancore della scena di Maurizio Balò sta tra le case a calce tipiche del paesaggio mediterraneo e una casa di marzapane delle fiabe”. Agli occhi dello spettatore ignaro, tuttavia, essa ricorda anche i gelidi paesaggi russi, se non altro perché presto gli attori toccano l’argomento delle condizioni meteorologiche. Echi della cultura mediterranea risaltano anche tra le righe dell’adattamento: “Ho sempre pensato – dichiara il regista – che Il giardino dei ciliegi  fosse una storia ‘nostra’: questi nobili decaduti che vivono nell’inerzia, incapaci di reagire ai problemi della vita, questi dandy che ‘si sono mangiati il patrimonio in caramelle’ o sono ‘morti di champagne’, somigliano a tanti racconti dell’aristocrazia napoletana incapace di entrare nella modernità”. De Fusco rende visiva l’universalità del tema: il declino di una classe privilegiata, a causa dell’incapacità di trasformarsi e far fronte alle sfide della vita, storico rovesciamento che ha visto affermarsi sull’aristocrazia una borghesia imprenditrice. Riflessione sul destino dell'uomo, che assurge in Cechov a toni lirici. 

Tuttavia, ancora prima e più a fondo, indagine psicologica della temeraria fatuità di un certo tipo umano: l’eterno Peter Pan, chi rifiuta l’assunzione di responsabilità, al punto da restare in una dimensione giocosa anche davanti alla rovina. L’adattamento di De Fusco smorza i toni dei caratteri riducendo il conflitto, che è anche di classe, a una dimensione più attuale. L’affresco è reso plastico da attori d’impeccabile professionalità, si muove tra naturalismo e simbolismo: una governante, che tocca il cuore degli spettatori parlando loro da un palco, racconta una vita senza identità. Personaggi vestiti di bianco, dialogano tenendo in mano candidi palloncini che salgono verso un cielo deflagrante in tuoni e lampi: evocazione del sogno e della dimensione infantile che può avere eccessi rovinosi. La scena finale è per metà oscurata da simbolici massi e lascia intravedere all’interno personaggi che evocano “memorie dal sottosuolo”: la loro (e nostra) “ombra” in bianco e nero si proietta cinematograficamente su fondali in primo piano, ci parla di situazioni che c’erano una volta e che ci sono ancora, e non solo a est, se sappiamo guardare, come suggerisce De Fusco, oltre la superficie delle cose.

Teatro Quirino di Roma

Il giradino dei ciliegi

Di Anton Cechov

Traduzione Gianni Garrera

Con Gaia Aprea   Paolo Cresta   Claudio Di Palma

Serena Marziale   Alessandra Pacifico Griffini

Giacinto Palmarini   Alfonso Postiglione   Federica Sandrini

Gabriele Saurio   Sabrina Scuccimarra   Paolo Serra   Enzo Turrin

Scene Maurizio Balò

Costumi Maurizio Millenotti

Luci Gigi Saccomandi

Coreografie Noa Wertheim

Musiche originali Ran Bagno

Regia Luca De Fusco

personaggi e interpreti

Ljuba Gaia Aprea

Jaša Paolo Cresta

Lopachin Claudio Di Palma

Dunjaša Serena Marziale

Anja Alessandra Pacifico Griffini

Trofimov Giacinto Palmarini

Pišcik Alfonso Postiglione

Varja Federica Sandrini

Epichodov Gabriele Saurio

Šarlotta Sabrina Scuccimarra

Gaev Paolo Serra

Firs Enzo Turrin

Orari repliche

ven06/11/201521.00

sab07/11/201521.00

dom08/11/201517.00

mar10/11/201521.00

mer11/11/201517.00

gio12/11/201521.00

ven13/11/201521.00

sab14/11/201517.00

sab14/11/201521.00

dom15/11/201517.00

lunedì 09/11/2015 RIPOSO

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Le donne e il tempo

Si apre il sipario del tempo

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]