Martedì, 10 Novembre 2015 11:08

Teatro de’ Servi. Il toy boy di mia madre.Commedia singolare. Recensione

Scritto da

ROMA - Al Teatro de’ Servi è in scena una singolare commedia dal titolo “Il toy boy di mia madre” , scritta da  Marco Mazza. Una pièce che racconta scontri  ma anche incontri generazionali, rapporti familiari un po’ sui generis, aspirazioni, talenti incompresi e fallimenti senza età, divergenti punti di vista tra chi cerca di crescere e chi al contrario non vuole invecchiare, giocando e barcamenandosi tra finzione e realtà, tra finte ingenuità e toni piccanti veri.

Luca, aspirante attore emiliano non-più-giovanissimo, condivide l’appartamento con  Elena, pittrice squattrinata e amante delle zebre e dello zebrato.  Lui tenta invano di conquistare la padrona di casa, che al contrario lo tratta maluccio, da inquilino. Ma ecco arrivare la madre di lei,  Giusina, divorziata da tempo, che all’improvviso si presenta in compagnia di Alessandro, il giovanissimo fidanzato con il quale intende sposarsi... E così si scatena una lotta tra madre e figlia, che con un po’ di pepe conduce a un finale con sorpresa.  

Se dobbiamo usare un aggettivo per qualificare questo lavoro, possiamo dire che si tratta di una commedia “esagerata”, nel senso che – per una precisa scelta registica (come ci ha confermato la stessa Eleonora Pariante, che ha firmato la messa in scena), è stato allestito un lavoro appunto “esagerato”, “caricato”, volutamente “sopra le righe”, in cui l’eccesso – posto in atto anche nelle gags più semplici – diventa la regola. E la fruibilità e la godibilità dello spettacolo trovano una loro essenza proprio nella bravura dei quattro protagonisti, che “caricando” ed “esagerando”, hanno restituito una chiave di lettura ad un testo  altrimenti difficile da interpretare, essendo il medesimo palesemente sotto la media, in quanto facilmente prevedibile e a volte anche un po’ banale.Complimenti alla regia, quindi, che ha saputo plasmare il tutto, ottenendo un risultato veramente positivo! 

Bravissima Laura Monaco (Elena),grintosa e sensuale ancorchè in chiave comica; a suo completo agio Manuel Ferrarini nei panni dell’inquilino Luca,molto bene anche Andrea Carpiceci ovvero il fidanzato toy-boy (Alessandro) e infine, nel ruolo di Giusina (la madre di Elena) la stessa Eleonora Pariante. Colpiscono piacevolmente sin dall’inizio le scene di Manuela Barbato, ispirate interamente allo “zebrato”. 

Fino al 22 novembre 2015 

Teatro de' Servi  –  

Via del Mortaro, 22 (Via del Tritone) – 

Info: 06.6795130 www.teatroservi.it 

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]